Carne cruda per cani e gatti è fonte potenziale di batteri patogeni secondo studio

Ancora uno studio, stavolta pubblicato su Royal Society Open Science, sottolinea gli aspetti negativi della carne cruda per cani e gatti. Anche questo studio mostra che fornire pasti a base di carne cruda per i propri animali domestici, una moda che a fronte degli stessi studi si sta diffondendo sempre di più, può essere pericoloso perché questi pasti non cotti o non trattati possono presentare notevoli quantità di batteri resistenti ai farmaci. Tra l’altro il rischio, sebbene minore, vale anche per i proprietari.

Come rivela il comunicato della AFP, per questo studio sono stati testati vari campioni di carne cruda presente in commercio per cani e gatti. Si parla del cosiddetto “cibo crudo biologicamente appropriato” o BARF (biologically appropriate raw food), alimenti crudi per animali domestici la cui vendita è aumentata moltissimo negli ultimi anni a seguito anche della diffusione delle diete paleo indirizzate agli esseri umani.

I ricercatori scoprivano che i tre quarti dei campioni analizzati superavano i limiti raccomandati per quanto riguarda la presenza dei batteri che possono causare infezioni gastrointestinali. Inoltre la metà dei campioni presentava batteri notoriamente resistenti ai farmaci.

Secondo Nuesch-Inderbinen, ricercatrice dell’Università di Zurigo che ha condotto lo studio, diversi dei campioni analizzati includevano anche esemplari di Escherichia coli, un batterio che può causare infezioni sia negli animali che negli esseri umani. Sono presenti inoltre batteri che possono essere fonte di salmonella oppure di yersiniosi nei cani.

Questi agenti patogeni possono essere pericolosi anche per gli esseri umani in quanto quest’ultimi, per fornire il cibo al proprio cane o al proprio gatto, debbono comunque manipolare le dosi. Inoltre il rischio per gli umani può derivare anche dall’eventuale contatto con le feci degli animali e in generale con le superfici domestiche contaminate dalle stesse feci.

Approfondimenti

Articoli correlati

Condividi questo articolo

Dati articolo


Resta aggiornato su Facebook