C’è una rana grande quanto un chicco di riso tra le cinque nuove specie identificate in Madagascar

Esemplare di maschio adulto della nuova specie Mini scule identificata in Madagascar (credito: Hyde Roberts)

Il numero di specie di rane presenti in Madagascar continua ad aumentare. Cinque nuove specie sono state identificate da un gruppo di ricercatori della Ludwig-Maximilians-Universitaet (LMU) di Monaco e della Zoologische Staatssammlung München. La caratteristica più interessante che la più piccola di queste cinque rane è poco più lunga di un chicco di riso.

Nello studio apparso su PLOS ONE si descrivono cinque nuove specie di rane che appartengono ad un gruppo di rane comunemente conosciuto come “rane a bocca stretta”. Queste ultime possono trovarsi in tutti i continenti, tranne che in Europa e nell’Antartide.
Alcune specie che possono essere inserite in questo gruppo sono davvero piccole tanto che in esso è inserita anche la rana più piccola del mondo, la specie Paedophryne amauensis, endemica della Papua Nuova Guinea. Quest’ultima può raggiungere una lunghezza di soli 7,7 mm, sostanzialmente le dimensioni di un insetto comune.

Queste rane minuscole sono sempre interessanti perché a livello evoluzionistico dicono molto. Molto spesso la “miniaturizzazione” si sviluppa in maniera indipendente da altre specie di rane e può essere identificata ad esempio in una singola regione. Essere più piccoli può indubbiamente portare a diversi vantaggi non solo nei confronti dei predatori ma anche delle prede.

Tre delle nuove specie identificate dai ricercatori tedeschi sono state inserite in un nuovo gruppo denominato “Mini”.
Tutte le specie individuate non superano i 15 mm di lunghezza mentre le più piccole sono caratterizzate da una lunghezza di soli 8 mm.

Le cinque nuove specie identificate in Madagascar (https://doi.org/10.1371/journal.pone.0213314.g002)

Fonti e approfondimenti

Condividi questo articolo

Disclaimer notizie

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001. L’autore non è responsabile di altri siti collegati tramite link né del loro contenuto che può essere soggetto a variazioni nel tempo.

Notizie scientifiche.it usa i cookie per migliorare l'esperienza di navigazione (Leggi di più)

notiziescientifiche.it partecipa al Programma Affiliazione Amazon EU, un programma di affiliazione che consente ai siti di percepire una commissione pubblicitaria pubblicizzando e fornendo link al sito Amazon.it

Dati articolo