Chandrayaan-2 lanciato con successo, India si appresta a raggiungere la Luna

È stato definito come “un giorno storico” questo 22 luglio 2019 da parte dei media indiani: Chandrayaan-2, la seconda missione per esplorare la Luna da parte dell’agenzia spaziale indiana dopo Chandrayaan-1 (missione lanciata 11 anni fa), ha visto la partenza del razzo dal centro spaziale Satish Dhawan posto su un’isola al largo dello stato indiano dell’Andhra Pradesh.

Il responsabile dell’agenzia spaziale indiana parla di una “giornata storica per lo spazio, la scienza e tecnologia in India”.
Il lancio è riuscito dopo che una settimana fa ci furono dei problemi riguardanti la perdita di carburante che costrinsero i tecnici a rimandare il lancio poi avvenuto oggi.

Il razzo trasporta un orbiter, un lander e uno rover e l’intero progetto è stato realizzato in India. L’orbiter, pesante 2,4 tonnellate, orbiterà intorno alla Luna per un anno scattando immagini ad alta risoluzione e studiando la sua atmosfera.
Il lander invece atterrerà sul suolo lunare, nei pressi del polo sud, e trasporterà un rover denominato Pragyaan, una parola che significa “saggezza” in lingua sanscrita.

Il rover dovrebbe funzionare per almeno 14 giorni terrestri e dovrebbe raccogliere rocce e terreno per analizzarli.
Se il lander dovesse atterrare con successo sulla superficie lunare, l’India sarebbe il quarto paese ad aver portato un rover sul nostro satellite naturale dopo Stati Uniti, Russia/Unione Sovietica e Cina.

Il primo ministro dell’India, Narendra Modi, ha inoltre dichiarato che l’agenzia spaziale ha anche in mente il lancio di una nuova missione sulla Luna, addirittura entro il 2022, stavolta con equipaggio umano.

Articoli correlati

Condividi questo articolo

Dati articolo

Resta aggiornato su Facebook