Chernobyl, grano e legno fuori da zona di esclusione ancora altamente contaminati

Abstract grafico dello studio (credito: DOI: 10.1016/j.envint.2020.106282, Environment International)

Le colture che si trovano intorno all’area di Chernobyl, al di fuori della zona di esclusione, risultano ancora pericolosamente contaminate secondo un nuovo studio condotto da elaboratori di Greenpeace dell’Università di Exeter e dell’Istituto ucraino di radiologia agricola.

In particolare i ricercatori hanno analizzato varie piante di segale, grano, orzo e avena e hanno trovato alti livelli di stronzio 90 e/o cesio 137, ossia isotopi radioattivi. Si tratta di livelli superano i limiti di sicurezza imposti dallo stesso stato ucraino e riguardavano più della metà dei campioni analizzati dai ricercatori. Come spiega Iryna Labunska, i ricercatori si sono concentrati su elementi come lo stronzio “perché è noto per essere attualmente presente nel suolo principalmente in forma biodisponibile” e quindi uno di quelli che possono essere serviti più facilmente dalle piante.

Hanno inoltre trovato livelli considerabili come molto alti di stronzio 90 anche nelle ceneri del legno, cosa che mostra che diverse persone del luogo usano ancora la cenere degli incendi per fertilizzare le colture.
I campioni delle colture sono stati i raccolti dal 2011 al 2019 da vari campi di 13 insediamenti nel distretto di Ivankiv, Ucraina, una località che si trova a 50 km a sud dall’ex centrale e fuori dalla zona di esclusione.

Nel corso delle analisi, i ricercatori si accorgevano che quasi la metà dei campioni, il 45% per la precisione, di grano prelevato dalle aree nella zona nord-orientale di questo distretto conteneva livelli troppo alti di stronzio 90, superiori a quelli consentiti per il consumo umano.
“La contaminazione del grano e del legno coltivati nel distretto di Ivankiv rimane motivo di grande preoccupazione e merita ulteriori indagini urgenti”, riferisce Valery Kashparov, direttore dell’Istituto ucraino di radiologia agricola.

Approfondimenti

Articoli correlati

Condividi questo articolo

Dati articolo

Resta aggiornato su Facebook