Chi assume statine per abbassare colesterolo più a rischio di diabete secondo studio

Coloro che assumono statine per abbassare il colesterolo possono essere a rischio maggiore per quanto riguarda lo sviluppo di alti livelli di zucchero nel sangue, di insulino-resistenza e quindi di diabete di tipo 2. La ricerca ha esaminato i dati di 9535 individui con un’età superiore 45 anni che non mostravano segni di diabete all’inizio della raccolta dei dati.
Lo studio è stato pubblicato sul Journal of Clinical Pharmacology ed è stato condotto dal ricercatore Bruno Stricker, del Centro medico Erasmus, Paesi Bassi.

Confrontando i partecipanti al sondaggio che non avevano mai usato statine con quelli che invece le assumevano regolarmente, i ricercatori scoprivano un rischio maggiore del 38% di sviluppare diabete di tipo 2 per questi ultimi. Il rischio risultava poi ancora maggiore per gli individui in sovrappeso o obesi.

Secondo lo stesso Stricker è dunque consigliabile suggerire ai pazienti che iniziano terapie che prevedono l’assunzione di statine, prendere in considerazione anche strategie nonché terapie preventive per controllare il livello della glicemia e strategie per contenere eventuali aumenti di peso.

Fonti e approfondimenti

Condividi questo articolo

Disclaimer notizie

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001. L’autore non è responsabile di altri siti collegati tramite link né del loro contenuto che può essere soggetto a variazioni nel tempo.

Notizie scientifiche.it usa i cookie per migliorare l'esperienza di navigazione (Leggi di più)

notiziescientifiche.it partecipa al Programma Affiliazione Amazon EU, un programma di affiliazione che consente ai siti di percepire una commissione pubblicitaria pubblicizzando e fornendo link al sito Amazon.it

Disclaimer medico

Notizie scientifiche.it è un blog di notizie, non un sito di consigli medici. Leggi anche il disclaimer medico.

Dati articolo