Cinesi scoprono “segnali sospetti” con gigantesco radiotelescopio?

Credito: tegawi, Pixabay, ID: 5381220

Si parla di “segnali sospetti” che potrebbero suggerire, anche se è l’ipotesi meno probabile, l’intercettazione di una civiltà extraterrestre intelligente in un nuovo articolo di Futurism[1] che riporta un rapporto di Science and Technology Daily, un sito web cinese.[2] c’è però chi parla apertamente di fake news[3] anche perché non è stato pubblicato uno studio (anche se nessuno ha mai specificato che si tratta “sicuramente” di un segnale alieno; la maggior parte dei siti spiega che questa potrebbe essere una delle lontane possibilità). La notizia è stata riportata anche sul sito del Corriere della Sera.[4]

A fare la dichiarazione sarebbe Zhang Tongjie, uno dei responsabili del team che sta analizzando i dati raccolti dal gigantesco radiotelescopio FAST (il più grande al mondo nel suo genere) costruito in una depressione naturale nella Cina sudoccidentale ed inaugurato solo nel 2016.[1]

Potrebbe essere un’interferenza radio

Lo stesso Tongjie ammette che il segnale sospetto che stanno analizzando potrebbe essere un’interferenza radio, anzi la probabilità che lo sia (e che sia stata di natura artificiale, prodotta dagli stessi esseri umani sulla Terra) è molto alta, ma per averne la certezza ci sarà bisogno di un processo molto lungo.
La serie di segnali insoliti è stata intercettata dal radiotelescopio FAST nel 2019 e al momento non è stato ancora pubblicato alcuno studio, men che meno uno revisionato da pari.

Nuovo sondaggio

Il “processo molto lungo” dovrebbe vedere innanzitutto un nuovo sondaggio della stessa area del cielo nella quale i segnali sono stati intercettati onde tentare di rilevarli nuovamente. Perché ciò non è stato ancora fatto dal 2019? Il calendario del radiotelescopio FAST è fittissimo e le prenotazioni dei vari team di scienziati provenienti da tutto il mondo per il suo utilizzo sono tantissime.

Il gruppo di ricercatori che cercano civiltà aliene

Secondo Tongjie il livello altissimo di sensibilità del radiotelescopio nella banda radio a bassa frequenza è una delle caratteristiche fondamentali per quanto riguarda la ricerca di civiltà extraterrestre. Un gruppo di ricerca impegnato proprio nello studio dei dati raccolti dal grosso radiotelescopio onde individuare possibili segnali di civiltà extraterrestre è stato già creato e vede ricercatori provenienti dall’Università Normale di Pechino, dall’Osservatorio astronomico nazionale dell’Accademia cinese delle scienze e dall’Università della California, Berkeley.

Radiotelescopio FAST

Il radiotelescopio FAST è stato costruito anche per la caccia alle civiltà aliene intelligenti e il suo ruolo è probabilmente diventato ancora più importante dopo il recente collasso del radiotelescopio di Arecibo situato a Portorico. Il radiotelescopio FAST, rispetto al radiotelescopio di Portorico, però, è molto più grande ed almeno due volte più sensibile. Può inoltre intercettare segnali da fasce del cielo molto più grandi grazie alla sua parabola da 500 metri fatta da più di 4500 pannelli.

Note e approfondimenti

  1. Chinese Scientists Say They May Have Detected Signal From Extraterrestrial Intelligence, But Probably Not
  2. 搜寻地外文明,“中国天眼”发现可疑信号
  3. Segnali radio da una civiltà aliena: così si prepara una boiata informativa – Il Fatto Quotidiano
  4. Alieni, i segnali in uno studio di Nature firmato da uno scienziato cinese- Corriere.it

Articoli correlati


Tag

Condividi questo articolo


Dati articolo