Classificato nuovo dinosauro in Australia, il Fostoria dhimbangunmal

Rappresentazione artistica del Fostoria dhimbangunmal (credito: James Kuether)

Alcune ossa fossili ritrovate in una miniera di opale negli anni 80 sono state analizzate da un gruppo di ricercatori dell’Università del New England ad Armidale.
Gli studi, effettuati solo a partire dal 2015, anno in cui le ossa opalizzate sono state donate ad un istituto australiano, confermano che si tratta di una nuova specie di dinosauro, poi classificata come Fostoria dhimbangunmal.

Nuova specie di dinosauro

I resti furono trovati in una regione vicino a Lightning Ridge, Nuovo Galles del Sud, Australia. In quella che era una miniera di opale erano presenti ossa opalizzate tra cui quelle di una specie di dinosauro mai classificata prima.

Le nuove analisi, guidate da Phil Bell, Università del New England ad Armidale, hanno lasciato “sbalorditi” gli stessi ricercatori, anche per il numero di ossa ritrovate.

Almeno quattro esemplari diversi

Inizialmente lo stesso ricercatore aveva pensato che queste ossa facessero parte di un solo scheletro ma si è dovuto ricredere presto quando ha individuato ben quattro scapole tutte di animali di diverse dimensioni.
Si tratta di un ritrovamento eccezionale, i primi resti di un “branco” di dinosauri ritrovati in Australia.

Ossa trovate da un operaio donate solo nel 2015

Il nome Fostoria dhimbangunmal è dovuto all’operaio che per primo trovò i resti nella miniera, Robert Foster, e alla parola dhimbangunmal che nelle lingue locali Yuwaalaraay e Yuwaalayaay significa “cortile delle pecore”, menzione in onore di Sheepyard, la località dove sono state trovate le ossa opalizzate.
Le stesse ossa non erano mai state studiate in quanto erano state tenute da parte dai figli dell’operaio che le aveva trovate. Questi ultimi le hanno poi donate all’Oustralia Opal Center solo nel 2015.

Il più grande ritrovamento in Australia

Secondo Jenni Brammall, paleontologa del suddetto istituto, si tratta dello scheletro di dinosauro opalizzato più completo al mondo.
In passato, infatti, sono state trovate, parlando di ossa di dinosauri opalizzate, solo pochissime ossa, a volte qualche dente. In questo caso ne sono state trovate ben 60, cosa che rende questo fossile uno dei più completi trovati in tutta l’Australia.

Fostoria dhimbangunmal: erbivoro vissuto 100 milioni di anni fa

Il Fostoria era un dinosauro ornitopico iguanodonte erbivoro che camminava sulle due zampe, strettamente correlato al Muttaburrasaurus langdoni, considerato come il dinosauro più famoso d’Australia, vissuto nel cretaceo inferiore (110-105 milioni di anni fa) e classificato in base ai resti trovati nel 1980 nella regione del Queensland, Australia.

Viveva in un ambiente alluvionale con molti laghi e fiumi che finivano poi per sfociare in un mare preistorico denominato Eromanga.
Si trattava di una distesa marina collegata al mare che separa l’Australia dalla Papua Nuova Guinea, distesa che copriva la grande zona centrale, quella più rossa ed arida, dell’Australia.

Il Fostoria, grande più o meno quanto un elefante odierno, si nutriva di equiseti e conifere e visse a circa 100 milioni di anni fa, durante il cretaceo medio.
Può essere considerato come uno dei primi esemplari di dinosauri a “a becco d’anatra”, un gruppo che si sarebbe poi diffuso un po’ in tutto il globo qualche milione di anni dopo.

Fonti e approfondimenti

Articoli correlati

Condividi questo articolo


Resta aggiornato su Facebook

Fai una ricerca

Tag principali

Commenta per primo

Rispondi