Classificato nuovo piccolo squalo del cretaceo con aguzzi denti simili ad astronavi

Rappresentazione artistica del Galagadon nordquistae (credito: Velizar Simeonovski, Field Museum)

I resti di un bizzarro e piccolo squalo d’acqua dolce con denti che lo stesso comunicato sul sito dell’Università della North Caroline definisce come uguali alle “navi aliene del popolare videogioco degli anni 80 Galaga”, sono stati analizzati da uno studio apparso sul Journal of Paleontology.

Denominato Galagadon nordquistae, era un piccolo squalo la cui lunghezza poteva andare da 30 a 45 cm. Era solito nuotare nei fiumi durante il maastrichtiano (tardo cretaceo, da 66 a 72 milioni di anni fa) in particolare in quelle zone che oggi appartengono al Dakota del Sud. La scoperta di questi resti avvenne insieme alla scoperta di resti di Sue, probabilmente il Tyrannosaurus Rex più famoso del mondo.

Secondo Terry Gates, autore principale dello studio, “circa 67 milioni di anni fa, quello che ora è il Sud Dakota era coperto da foreste, paludi e fiumi tortuosi”. Era proprio questo l’ambiente in cui viveva il Galagadon uno squalo che con i suoi denti aguzzi probabilmente riusciva a catturare solo piccoli pesci o gamberetti.

I denti, infatti, misurano meno di millimetro di diametro e sono tra i resti rimasti nei sedimenti poi scoperti insieme alle ossa di Sue. Gli stessi ricercatori si ritengono fortunati: questi denti sono così piccoli, con un diametro sostanzialmente paragonabile a quello dei granelli di sabbia, che è un miracolo che siano stati notati scoperti.

Denti del Galagadon (credito: Terry Gates, NC State University)

Fonti e approfondimenti

Articoli correlati

Condividi questo articolo


Resta aggiornato su Facebook

Fai una ricerca

Tag principali

Commenta per primo

Rispondi