Clima delle città americane sarà stravolto nel giro di una generazione

Schema che mostra i cambiamenti climatici del Nordamerica e delle principali città americane (credito: Matthew Fitzpatrick/University of Maryland Center for Environmental Science)

I cambiamenti climatici coinvolgeranno anche le città statunitensi. In particolare secondo gli studiosi il clima si “sposterà” verso sud: per trovare le stesse condizioni ambientali odierni, per esempio, un abitante dell’Oregon dovrà spostarsi a sud, fino in California mentre un abitante della California meridionale dovrà spostarsi in Messico.

Questi cambiamenti ambientali avranno dunque un impatto notevole sulla vita quotidiana delle persone che vivono nelle aree urbane di Stati Uniti e Canada, come specifica Matt Fitzpatrick dell’Università del Maryland, autore principale dello studio apparso su Nature Communications: “Con le attuali alte emissioni, l’abitante medio urbano dovrà guidare più di 500 miglia a sud per trovare un clima come quello della propria città entro il 2080. Non solo il cambiamento climatico, ma i climi che attualmente non esistono nel Nord America saranno prevalenti in molte aree urbane”.

Ciò dovrebbe avvenire, secondo il ricercatore, già dagli anni 2080 se le emissioni continueranno inalterate per tutto il XXI secolo. Non risulterà strano, dunque, vedere le città della costa orientale caratterizzate dal classico clima tropicale di Miami, con più caldo e più umidità in tutte le stagioni. Il clima di San Francisco assomiglierà quello di Los Angeles mentre quello di New York sarà come quello del Nord dell’Arkansas.

I ricercatori hanno utilizzato la tecnica della mappatura climatica-analogica, una tecnica statistica che stima le caratteristiche del clima futuro di un determinato luogo comparandolo al clima presente di un altro luogo: in questo modo si possono comprendere bene le differenze.

Fonti e approfondimenti

Articoli correlati

Condividi questo articolo

Dati articolo


Resta aggiornato su Facebook