Collegamento tra antibiotici e leggero aumento del cancro al colon ascendente scoperto da ricercatori svedesi

Uno studio trova un collegamento tra l’assunzione degli antibiotici e un aumento del rischio del cancro al colon. A svolgere lo studio è stato un team di ricercatori dell’Università di Umeå. I ricercatori hanno analizzato 40.000 casi di cancro i cui dati erano contenuti in un database del Registro svedese dei tumori del colon-retto. I casi risalivano al periodo tra il 2010 e il 2016.
Gli stessi ricercatori hanno confrontato questi casi con i dati 200.000 individui senza cancro, anche in questo caso prelevati da un database di lavorazione svedese generale. Tra i dati c’erano anche quelli relativi all’utilizzo di antibiotici.[1]

Più restrittivi con gli antibiotici in generale

ho
Come spiega Sophia Harlid, una delle ricercatrici della suddetta università svedese che ha realizzato lo studio, si tratta di risultati, quelli conseguiti da lei e dai colleghi, che sottolineerebbero la necessità di essere più restrittivi con gli antibiotici in generale.
Si parla naturalmente dei disturbi meno gravi: in questi casi, diverse volte, potrebbe essere utile più cautela nell’utilizzo degli antibiotici. La cautela servirebbe anche per evitare che i batteri sviluppino resistenza.[1]

Rischio maggiore del 17% di sviluppare cancro al colon ascendente

I ricercatori scoprivano in particolare che quelle persone, sia donne che uomini, che assumevano antibiotici per più di sei mesi avevano un rischio maggiore del 17% di sviluppare cancro al colon ascendente. Si tratta della prima zona del colon che entra in contatto con il cibo dopo l’intestino tenue. Nessun aumento del rischio di cancro nel colon discendente veniva invece notato dai cercatori così come non veniva notato un aumento del rischio di cancro del retto negli uomini. Nelle donne che assumevano antibiotici veniva invece notata una leggera riduzione del rischio di cancro al retto.[1]

Nessun allarme

I ricercatori pensano che l’impatto degli antibiotici avvenga sul microbioma intestinale e ciò, probabilmente, aumenta il rischio di cancro al colon-retto. Lo studio ha trattato solo gli antibiotici somministrati per via orale e non quelli somministrati per via endovenosa.
La stessa Harlid tende comunque a smorzare l’allarme nel comunicato emesso dall’università svedese: “Non c’è assolutamente alcun motivo di allarme semplicemente perché hai preso antibiotici. L’aumento del rischio è moderato e l’effetto sul rischio assoluto per l’individuo è abbastanza piccolo. Anche la Svezia sta introducendo lo screening di routine per il cancro del colon-retto. Come qualsiasi altro programma di screening, è importante partecipare in modo che qualsiasi tumore possa essere rilevato precocemente o addirittura prevenuto, poiché a volte i precursori del cancro possono essere rimossi”.[1]

Note e approfondimenti

  1. Antibiotics increase the risk of colon cancer (IA)
  2. Antibiotics Use and Subsequent Risk of Colorectal Cancer: A Swedish Nationwide Population-Based Study | JNCI: Journal of the National Cancer Institute | Oxford Academic (IA) (DOI: 10.1093/jnci/djab125)

Articoli correlati

Condividi questo articolo

Data articolo