Commissione Europea annuncia nuove riserve di farmaci e attrezzature per minacce chimiche, biologiche e nucleari

Credito:, Pixabay, ID: 5078608

La Commissione Europea annuncia di stare realizzando nuove “riserve strategiche” per contrastare meglio le “minacce chimiche, radiologiche, biologiche e nucleari” (chemical, biological, radiological and nuclear, CBRN) come meccanismo di protezione civile dell’Unione Europea. Il comunicato è stato pubblicato oggi, 6 aprile 2022, sul sito della stessa Commissione Europea.[1]

Riserve strategiche

Le riserve strategiche sono rappresentate da un potenziamento del rescEU (meccanismo di protezione civile dell’Unione). Secondo quanto riferisce un altro comunicato della stessa commissione europea, rescEU dovrebbe rivelarsi utile in situazioni schiaccianti come ultima risorsa, negli eventi per i quali le capacità esistenti a livello nazionale non sono sufficienti per garantire risposte efficaci a vari tipi di calamità.[2]

Acquistate nuove attrezzature e farmaci

Il potenziamento ha visto l’acquisto, per 540,5 milioni di euro, di nuove attrezzature e medicinali nonché vaccini ed altri farmaci o prodotti per curare persone esposte a vari agenti di emergenza di tipo CBRN o per effettuare azioni di decontaminazione.[1]
Tra i vari prodotti acquistati ci sono anche compresse di ioduro di potassio, utili per la protezione contro gli effetti delle radiazioni. Tra l’altro lo stesso comunicato sottolinea che già 3 milioni di queste compresse sono state inviate in Ucraina dalla stessa Unione Europea.

Hera (Health emergency and preparedness response authority)

Janez Lenarčič, il commissario per la gestione delle crisi, spiega che l’Unione Europea sta adottando misure concrete affinché gli stessi stati dell’unione possano prepararsi se dovessero trovarsi di fronte a minacce potenziali.
Secondo Stella Kyriakides, commissario per la salute per la sicurezza alimentare, prepararsi per le minacce di tipo chimico, biologico, radiologico o nucleare è importante per la protezione dei cittadini. A tal proposito l’Hera (Health emergency and preparedness response authority, una nuova agenzia dell’Ue presentata solo a settembre dell’anno scorso[3]) è “la nostra torre di guardia e ha lavorato 24 ore su 24 per sostenere le azioni dell’UE attraverso il meccanismo di protezione civile per fornire supporto alla preparazione all’Ucraina e ai nostri Stati membri”.[1]

Note e approfondimenti

  1. Chemical, biological and radio-nuclear emergencies
  2. EUR-Lex – 32019D0420 – EN – EUR-Lex (vedi punto 13)
  3. Nasce Hera: cos’è e come interverrà l’autorità europea per le emergenze sanitarie – EURACTIV Italia

Articoli correlati


Tag

Condividi questo articolo


Dati articolo