Composto inserito nei mangimi delle vacche fa emettere loro meno metano

Un additivo da aggiungere ai mangimi delle vacche per far emettere loro meno metano a seguito del processo digestivo. È l’idea, resa poi pratica, che è arrivata ad un team di ricerca composto da scienziati provenienti da sei università i quali hanno poi pubblicato i risultati del proprio lavoro sul Journal of Dairy Science.

I ricercatori si sono in particolare concentrati sul composto organico 3-nitroossipropanolo (3-NOP), già conosciuto perché inibitore della metanogenesi. Il compostod di per sé solubile e velocemente metabolizzato dai ruminanti, è stato somministrato agli animali attraverso la razione mista totale.
I ricercatori hanno svolto esperimenti con varie dosi di 3-NOP inserito nel mangime di 49 vacche ospitate presso il Dairy Teaching and Research Center dell’Università statale della Pennsylvania.

I livelli di somministrazione erano compresi tra 40 e 200 mg di 3-NOP per ogni kilogrammo di mangime. Altre vacche, invece, ricevevano una sostanza placebo.
Alla fine gli scienziati ottenevano il risultato che speravano: l’inclusione di 3-NOP nella razione delle vacche quotidianamente riduceva le emissioni enteriche di metano senza influire in maniera negativa sull’assunzione da parte degli animali dei nutrienti di cui avevano bisogno e senza influire sulle prestazioni relative alla lattazione.

“La riduzione del metano emesso con 3-NOP rappresenterebbe, in teoria, energia aggiuntiva per la lattazione che potrebbe essere potenzialmente utilizzata per scopi produttivi”, spiega Alexander Hristov, uno dei ricercatori che ha guidato lo studio.

Approfondimenti

Articoli correlati

Condividi questo articolo

Dati articolo

Resta aggiornato su Facebook