Compra casa per 550.000 dollari ma non ci passa neanche una notte: il mare gliela spazza via

Credito: Cape Hatteras National Seashore

Compra una casa su una spiaggia per 550.000 dollari e non riesce nemmeno a passarci una notte perché crolla una volta travolta dalle onde. È ciò che accade a Ralph Patricelli, un agente immobiliare cinquantasettenne della California che ha pensato di acquistare una casa vacanze su Ocean Drive a Rodanthe, una lingua di terra che si trova nelle Outer Banks della Carolina del Nord.
Un video che riprende la casa le cui palafitte vengono indebolite dalle onde è stato pubblicato su YouTube e sui social media e naturalmente ha fatto il giro di Internet.

L’uomo aveva acquistato la casa con la sorella su questa sorta di lunga isola che fiancheggia la costa orientale degli Stati Uniti per passarci le vacanze ed ospitare amici e parenti, anche come forma di relax dopo il periodo della pandemia che avvocato un po’ tutti a casa.
Tuttavia a novembre una tempesta aveva colpito l’area e i funzionari della contea avevano stabilito che l’abitazione non poteva essere occupata. E durante questa settimana, neanche 300 giorni dopo l’acquisto, la casa è crollata in mare dopo diversi giorni di tempesta continua, insieme ad un’altra abitazione poco lontana.

“È stato uno shock”, riferisce Patricelli a cui praticamente è rimasto solo un lotto libero. L’uomo ha ammesso di non essersi reso conto di quanto l’abitazione fosse vulnerabile in quel luogo ma in realtà, come spiega il Washington Post, non sono pochi gli americani che continuano ad acquistare proprietà nei pressi delle coste, anche quelle a rischio di inondazione o di altro tipo di catastrofe.
L’episodio mette in evidenza il problema dei cambiamenti climatici che, tra i vari effetti, sta portando le coste ad una sempre più crescente erosione causata anche dall’innalzamento medio del livello del mare. Si tratta di fenomeni, quelli legati alle erosioni costiere, che dovrebbero aumentare ancora di più nel corso dei prossimi decenni e alcune zone più a rischio, numerose anche negli Stati Uniti, saranno soggette a vere e proprie inondazioni.

Video

Condividi questo articolo

Disclaimer notizie

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001. L’autore non è responsabile di altri siti collegati tramite link né del loro contenuto che può essere soggetto a variazioni nel tempo.

Notizie scientifiche.it usa i cookie per migliorare l'esperienza di navigazione (Leggi di più)

notiziescientifiche.it partecipa al Programma Affiliazione Amazon EU, un programma di affiliazione che consente ai siti di percepire una commissione pubblicitaria pubblicizzando e fornendo link al sito Amazon.it

Dati articolo