Confermata prima estinzione di un mammifero causata da cambiamenti climatici indotti dall’uomo

Melomys rubicola(credito: Ian Bell, EHP, CC BY 3.0, via Wikimedia Commons)

Quello che è stato definito il primo caso di estinzione di un mammifero a causa dei cambiamenti climatici indotti dall’uomo, dunque sostanzialmente l’attuale livello di riscaldamento globale, è stato confermato da un gruppo di ricercatori dell’Università del queensland.
Si tratta del Melomys rubicola (conosciuto inglese anche come Bramble Cay Melomys), un piccolo ratto che sopravviveva in un’isola sabbiosa della grande barriera corallina nell’Australia settentrionale.

Dopo che i ricercatori non lo ha hanno avvistato per un decennio, è stato dichiarato come estinto. Secondo gli stessi ricercatori, la causa dell’estinzione sarebbe da ricercare nelle ripetute inondazioni di Bramble Cay, una delle isole basse della barriera corallina dove il ratto viveva, aumentate moltissimo nell’ultimo decennio a causa dell’innalzamento del livello del mare. Ciò ha provocato la perdita dell’habitat di varie specie animale e sembra che questo piccolo topo abbia, almeno per ora, subito le conseguenze peggiori.

Il Melomys rubicola fu individuato per la prima volta nel 1845 dai primi europei giunti in questa remota zona che tra l’altro erano soliti sparare ai grandi gatti per sport.
Si è trattato di un annuncio che tutti comunque aspettavano dato che si trattava comunque di un animale che viveva in un ambiente limitato, su un isolotto largo meno di cinque ettari e con un’altezza massima di tre metri; ne erano rimaste solo poche dozzine di esemplari. Ora l’ufficializzazione è arrivata dopo i vari iter necessari affinché si fosse sicuri che la specie non fosse più rintracciabile.

Fonti e approfondimenti

Condividi questo articolo

Disclaimer notizie

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001. L’autore non è responsabile di altri siti collegati tramite link né del loro contenuto che può essere soggetto a variazioni nel tempo.

Notizie scientifiche.it usa i cookie per migliorare l'esperienza di navigazione (Leggi di più)

notiziescientifiche.it partecipa al Programma Affiliazione Amazon EU, un programma di affiliazione che consente ai siti di percepire una commissione pubblicitaria pubblicizzando e fornendo link al sito Amazon.it

Dati articolo