Corpo di puledro vissuto 30.000 anni fa ritrovato nel permafrost siberiano

Resti del puledro ritrovato nella permafrost siberiano (credito: AP Photo)

La carcassa di un giovane puledro di cavallo, vissuto tra 30.000 i 40.000 anni fa, è stata ritrovata nella regione della Yakutia, nel permafrost siberiano. Il fossile è ben conservato in quanto sono ancora visibili pelle, peli, zoccoli e coda oltre all’intero corpo.

Si tratta di una regione già abbastanza nota per quanto riguarda ritrovamenti paleontologici del genere dato che già in passato sono stati ritrovati i resti dei famosi mammut lanosi siberiani.

La scoperta è stata presentata da un gruppo di scienziati dell’Università Federale Nord-Est della Russia i quali hanno anche dichiarato che il puledro aveva probabilmente circa due mesi di età quando è morto.
Il ritrovamento è stato effettuato, per la precisione, nel cratere Batagaika, una depressione con una profondità di circa 100 metri che si trova nella zona della taiga siberiana orientale.

Fonti e approfondimenti



Condividi questo articolo

Resta aggiornato su Facebook: clicca su “Mi piace questa pagina”


Commenta per primo

Rispondi