COVID 19, anticorpo prelevato da sangue di guariti neutralizza virus e protegge da infezione

Un altro anticorpo che neutralizza il nuovo coronavirus SARS-CoV-2 è stato identificato da un team di ricerca di vari istituti cinesi guidato da Sunney Xie, direttore del Centro di innovazione avanzata per la genomica (ICG) dell’Università di Pechino.
Anche in questo caso si tratta diun anticorpo generato dal sistema immunitario di persone colpite dalla COVID-19, la malattia pandemica che si è diffuso in tutto il mondo in questi mesi.

Nello studio, pubblicato su Cell, si parla di potenti anticorpi neutralizzanti il SARS-CoV-2 “identificato dal sequenziamento a singola cellula ad alto rendimento di cellule B di pazienti convalescenti”.
Dopo aver raccolto campioni di sangue di 60 patenti convalescenti e dopo aver analizzato 8.558 anticorpi i ricercatori ne hanno individuato in particolare uno, denominato BD-368-2, particolarmente potente contro il SARS-CoV-2.

I seguenti esperimenti in laboratorio dimostravano che questo anticorpo può fornire una forte efficacia terapeutica e una protezione profilattica contro il nuovo coronavirus. I ricercatori lo hanno infatti iniettato in topi infetti dal SARS-CoV-2 e si sono accorti che la carica del virus si riduceva di 2400 volte.
Lo hanno inoltre iniettato in topi non infetti e in questo caso i ratti venivano protetti dall’infezione del virus.

Anche questo anticorpo agisce sull’enzima ACE2 che si trova sulla superficie esterna delle cellule e che il virus usa per introdursi. Ora i ricercatori sono impegnati in studi clinici per capire se questo anticorpo può essere usato per sviluppare farmaci per gli esseri umani sia in chiave terapeutica che in chiave di protezione profilattica.
“Se l’epidemia COVID-19 riappare in inverno”, dichiara Xie, “il nostro anticorpo neutralizzante potrebbe essere disponibile a quel punto.”

Approfondimenti

Articoli correlati

Condividi questo articolo

Dati articolo

Resta aggiornato su Facebook