COVID-19 in Sudafrica, confini chiusi per persone provenienti da Italia e paesi a rischio

Anche il Sudafrica chiuderà le frontiere a persone provenienti da quei paesi considerati ad alto rischio nel contesto della diffusione mondiale del virus SARS-CoV-2, portatore della COVID-19.
Come dichiara il presidente Cyril Ramaphosa, i confini del paese saranno chiusi da mercoledì atutte le persone provenienti da Italia, Iran, Corea del Sud, Spagna, Stati Uniti, Germania, Cina e Regno Unito.

Le dichiarazioni sono state rese pubbliche durante un discorso alla nazione con il quale il presidente ha annunciato, tra l’altro, anche la chiusura delle scuole per un periodo di tre settimane nonché il divieto di assembramento pubblico con più di 100 persone. Inoltre il presidente ha dichiarato lo stato di disastro nazionale.
Le persone risultate infette al nuovo coronavirus in Sudafrica sono ad oggi 61. Si tratta del secondo numero più alto in Africa dopo l’Egitto che invece ha registrato 110 casi.

Le dichiarazioni del presidente sono giunte dopo un picco avvenuto durante l’ultimo fine settimana quando sono stati scoperti 37 nuovi casi. 50 delle 61 persone risultate positive al virus hanno effettuato un viaggio all’estero recentemente e la maggior parte di esse è arrivata dall’Europa, cosa che indica che questo continente è diventato il nuovo epicentro del virus, come dichiarato anche dalla OMS.

Tuttavia alcuni degli ultimissimi casi sembrano essere relativi a persone che hanno contratto il virus all’interno del paese, cosa che ha preoccupa non poco i vertici sudafricani in quanto è indice del fatto che il virus sta ormai circolando in maniera incontrollata nel paese e che anche la chiusura dei confini potrebbe fare ben poco.

Articoli correlati

Condividi questo articolo

Dati articolo

Resta aggiornato su Facebook