COVID-19, rivestimento nel naso dei bambini migliore nel combattere virus secondo studio

Credito: GiselaFotografie, Pixabay, ID: 6740791

Il naso dei bambini sembra contrastare meglio il SARS-CoV-2, il virus della COVID-19, secondo uno studio realizzato da ricercatori dell’Università del Queensland.[1] Detto studio è stato pubblicato sulla rivista PLoS Biology.[2]

Bambini mostrano sintomi meno gravi rispetto agli adulti nella COVID-19

I ricercatori hanno in particolare scoperto che il rivestimento all’interno del naso dei più piccoli ha una capacità maggiore di inibire l’infezione del nuovo coronavirus rispetto a quanto fanno i nasi delle persone adulte. La ricerca è stata realizzata dalla Dott.ssa Kirsty Short secondo la quale questo potrebbe essere uno dei principali motivi per i quali i bambini hanno dimostrato di poter combattere meglio la COVID-19.
In effetti le ragioni per le quali i bambini hanno sintomi minori e in generale più lievi, rispetto alle persone adulte, per quanto riguarda l’infezione da COVID-19 non sono ancora conosciute appieno.[1]

L’esperimento con le cellule del naso

La ricercatrice, insieme ai colleghi, ha prelevato cellule del rivestimento nasale da 23 bambini e da 15 persone adulte, tutti i soggetti sani. In laboratorio ha esposto questi campioni cellulari al virus SARS-CoV-2 notando che il virus stesso tendeva replicarsi di meno nelle cellule nasali dei bambini.[1]

Ipotesi

I motivi? Secondo la ricercatrice potrebbe trattarsi di un adattamento migliore ai microrganismi infettivi come i batteri e i virus durante l’infanzia. In sostanza durante i primi anni di vita un’esposizione maggiore a questi microrganismi “allena” il rivestimento interno nasale dei bambini che riesce a creare risposte pro infiammatorie maggiori. Oppure potrebbero esserci delle differenze metaboliche tra i bambini e gli adulti e queste differenze altererebbero le modalità con le quali geni combattono i microrganismi.[1]

Tendenza meno pronunciata nella variante Omicron

Tuttavia la stessa ricercatrice ha scoperto che questa tendenza era meno visibile nella variante Omicron del virus. Questo può significare che, con la futura evoluzione del virus, questa maggiore protezione su cui possono contare i bambini potrebbe venire ancora meno. È difficile dirlo: saranno necessari ulteriori studi.[1]

Note e approfondimenti

  1. Kids’ noses can better fight COVID-19 – UQ News – The University of Queensland, Australia
  2. SARS-CoV-2 ancestrale, ma non Omicron, si replica in modo meno efficiente nelle cellule epiteliali nasali pediatriche primarie | Biologia PLOS (DOI: 10.1371/journal.pbio.3001728)
Condividi questo articolo

Disclaimer notizie

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001. L’autore non è responsabile di altri siti collegati tramite link né del loro contenuto che può essere soggetto a variazioni nel tempo.

Notizie scientifiche.it usa i cookie per migliorare l'esperienza di navigazione (Leggi di più)

notiziescientifiche.it partecipa al Programma Affiliazione Amazon EU, un programma di affiliazione che consente ai siti di percepire una commissione pubblicitaria pubblicizzando e fornendo link al sito Amazon.it

Disclaimer medico

Notizie scientifiche.it è un blog di notizie, non un sito di consigli medici. Leggi anche il disclaimer medico.

Dati articolo