Covid-19 tra i giovani: diffusione in aumento secondo OMS

A comunicare ufficialmente la notizia è l’Organizzazione Mondiale della Sanità: il numero di ragazzi tra i 15 ed i 24 anni positivi al Covid-19 si è triplicato negli ultimi 5 mesi.
Si tratta della fascia di età più esposta al contagio, per via sia della frequentazione di locali e spiagge affollate ma anche per la tendenza a rispettare meno l’obbligo di indossare la mascherina nei luoghi chiusi e di attenersi al distanziamento sociale.

Il dato è stato ricavato dalle osservazioni svolte un po’ in tutto il mondo, dai paesi europei come Francia e Germania fino al Giappone ed agli Stati Uniti.
Sono numerosi i medici e gli esperti che hanno posto l’attenzione su questo fenomeno.
Anche i giovani possono essere infatti colpiti dal virus e possono incorrere in gravi conseguenze.
Questo aumento dal 4.5% al 15% è influenzato anche da un incremento dei viaggi e dunque delle occasioni di contatto che si sta appunto verificando tra i ragazzi.

Alcuni Paesi sono già corsi ai ripari, in Francia ad esempio è stato chiuso al pubblico un bar in cui, a causa del mancato rispetto delle regole igieniche, si è sviluppato un nuovo focolaio.
Anche a Tokyo è stato imposto a locali come pub e ristoranti di garantire lo spazio necessario ed una ventilazione continua.
Si tratta di dati che confermano il forte sospetto secondo il quale in media i giovani sembrano essere, rispetto agli adulti o agli anziani, meno attenti in tutte quelle pratiche, che oramai conosciamo un po’ tutti, per limitare la diffusione del virus, in primis quella relativa al distanziamento sociale.

Articoli correlati

Condividi questo articolo

Dati articolo

Resta aggiornato su Facebook