Creata nuova lega metallica che può cambiare forma con campo magnetico

Scienziati dell'Università politecnica di San Pietroburgo hanno creato una nuova lega metallica che cambia forma modulando un campo magnetico

Un nuovo tipo di lega metallica che può cambiare forma sotto l’influenza di un campo magnetico è stato creato dal gruppo di ricercatori dell’Università politecnica di San Pietroburgo.
Nello specifico questo nuova lega metallica, oltre che emettere ed assorbire calore contemporaneamente, può cambiare volume e dimensione in un campo magnetico il quale causa questi cambiamenti a livello di struttura.

Si tratta di una nuova lega che, secondo i ricercatori, potrebbe rivelarsi molto utile nei campi industriali o in quelli medici.
Nello studio, pubblicato su Key Engineering Materials, si descrive una nuova lega metallica soggetta al fenomeno della magnetostrizione, un fenomeno che si verifica quando un corpo cambia il proprio volume o le proprie dimensioni quando è sottoposto ad un determinato campo magnetico.

Cambiando varie proprietà di quest’ultimo, si possono poi anche modulare i cambiamenti del corpo stesso.
Questa nuova lega, composta da terbio, disprosio, gadolinio, cobalto e alluminio, può essere utilizzata per sviluppare trasduttori magnetostrittivi.
Questi ultimi a loro volta possono essere utilizzati in apparati quali sensori che utilizzano il campo magnetico per effettuare rilevazioni.

Un esempio fatto dai ricercatori vede quei dispositivi che aiutano a trovare le bolle d’aria all’interno di strutture murarie o costruzioni. Proprio queste bolle possono col tempo creare fessure sempre più grandi e provocare danni molto gravi.

“I trasduttori basati sulle nostre leghe saranno più resistenti e duraturi rispetto agli analoghi esistenti e lavoreranno in una vasta gamma di campi magnetici. Inoltre, le leghe possono essere utilizzate in medicina in quanto possono cambiare la loro forma sotto l’influenza di campi magnetici sicuri per la salute umana”, specifica Alexey Filimonov, uno dei ricercatori impegnati nel progetto.

Approfondimenti

Articoli correlati

Condividi questo articolo


Resta aggiornato su Facebook

Commenta per primo

Rispondi