Creato il materiale più nero di sempre

Il diamante rivestito del particolare materiale nero. Quest'ultimo riflette così poca luce che il nero dell'immagine (sulla destra) sembra quasi un ritocco con un software per modificare le immagini (credito: . R. Capanna, A. Berlato, e A. Pinato)

Si parla di materiale più nero di sempre nel comunicato stampa che accompagna un nuovo studio pubblicato su Applied Materials & Interfaces.
I ricercatori del MIT riportano infatti di aver messo a punto un materiale che è “10 volte più nero di qualsiasi cosa sia stata precedentemente segnalata”.

Si tratta di un materiale fatto a base di nanotubi di carbonio posti verticalmente che lo stesso comunicato stampa paragona ad una “foresta confusa di piccoli alberi”.
Questi nanotubi sono stati fissati su un foglio di alluminio inciso con del cloro. Ne risulta una pellicola che riesce a riflettere il 99,96% della luce in entrata a qualsiasi lunghezza d’onda, cosa che a sua volta fa di questa pellicola un materiale che ai nostri occhi appare più scuro del nero più scuro che potremmo immaginare.

Per il momento la pellicola è stata usata in un’opera d’arte prodotta da Brian Wardle, esperto di aeronautica e astronautica al MIT, e dall’artista Diemut Strebe. Si tratta di un diamante giallo rivestito con questa pellicola ultra nera.

Eventuali applicazioni pratiche? Secondo i ricercatori gli utilizzi di questo materiale potrebbero essere molteplici.
Ad esempio potrebbe essere utilizzato in paraocchi ottici per ridurre l’abbagliamento oppure nei telescopi spaziali per localizzare esopianeti nascondendo più efficientemente la luce delle stelle intorno alle quali girano.

Approfondimenti

Condividi questo articolo

Disclaimer notizie

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001. L’autore non è responsabile di altri siti collegati tramite link né del loro contenuto che può essere soggetto a variazioni nel tempo.

Notizie scientifiche.it usa i cookie per migliorare l'esperienza di navigazione (Leggi di più)

notiziescientifiche.it partecipa al Programma Affiliazione Amazon EU, un programma di affiliazione che consente ai siti di percepire una commissione pubblicitaria pubblicizzando e fornendo link al sito Amazon.it

Dati articolo