Curcuma, scienziati scoprono che uccide un coronavirus, ecco quale

Secondo uno studio pubblicato sul Journal of General Virology, la curcumina, il composto naturale presente nella curcuma, una delle spezie più diffuse, soprattutto in oriente, può avere proprietà antivirali nei confronti di un coronavirus.
Nello specifico i ricercatori hanno scoperto che può prevenire e addirittura uccidere il virus della gastroenterite trasmissibile (TGEV), un coronavirus che infetta i suini.

Nei maiali questa patologia infettiva causa forte gastroenterite caratterizzata da diarrea, grave disidratazione infine morte. Il livello didiffusione dell’infezione tra i soggetti può essere molto veloce e risulta fatale soprattutto sugli suini più giovani, quelli con un’età inferiore alle due settimane.
Detta infezione rappresenta dunque una delle minacce più severe per tutto il comparto dell’industria dei suini. Esiste un vaccino ma non risulta efficace per limitare la diffusione.

I ricercatori si sono accorti delle proprietà antivirali della curcumina iniettandola in cellule in laboratorio infettate con il virus della TGEV. A concentrazioni più alte, la curcumina riduceva la quantità di particelle virali.
La curcumina sembra uccidere il virus prima che infetti la cellula e sembra alterare il metabolismo delle stesse cellule affinché il virus possa diffondere.

“La curcumina ha un significativo effetto inibitorio sulla fase di adsorbimento del TGEV e un certo effetto di inattivazione diretta, cosa che suggerisce che la curcumina ha un grande potenziale nella prevenzione dell’infezione da TGEV”, spiega Lilan Xie, ricercatrice dell’Istituto di bioingegneria di Wuhan e autrice principale dello studio.
Già in passato la curcumina aveva mostrato di poter potenzialmente inibire la replicazione di vari virus, tra cui quello della dengue, quello dell’epatite B e il virus Zika, ma questo è il primo studio che dimostra che si rivela efficace anche per un coronavirus.

Approfondimenti

Articoli correlati

Condividi questo articolo

Dati articolo

Resta aggiornato su Facebook