Decennio 2010-2019 è stato il più caldo mai registrato in India

Il decennio appena terminato è stato quello più caldo in India da quando sono iniziate le registrazioni nella regione dal 1901.
Come riferisce il Dipartimento Meteorologico Indiano, il solo impatto del riscaldamento globale e dei cambiamenti climatici avrebbe contribuito ad uccidere più di 1500 persone nel corso del 2019.

Le temperature tra il 2010 e il 2019 sono state infatti di 0,36 °C al di sopra della media riguardante tutti i decenni dal 1901 ad oggi.
Inoltre il 2019 è stato il settimo anno più caldo mai registrato in India ed è stato il 22º anno consecutivo le cui temperature annuali sono state superiori alla media in tutto il paese.

L’anno più caldo nel paese è stato il 2016 quando la temperatura media fu di 0,71° centigradi superiore alla media.
Il 2019 è stato un anno parimenti caldo ma non ha raggiunto questi livelli perché a dicembre c’è stato un inusuale abbassamento delle temperature nell’India settentrionale che ha abbassato la media dell’anno che altrimenti si sarebbe avviata verso un nuovo record.

Lo stesso 2019 è stato caratterizzato da un clima estremo e dalla più alta piovosità monsonica mai registrata in India negli ultimi 25 anni nonché da un numero record dei cicloni sul Mar arabico.
A questi eventi estremi si affianca il suddetto evento freddo da record dell’India settentrionale registrato a dicembre. Inoltre durante lo stesso 2019 si sono avuti diversi morti a causa di fulmini e temporali.

Il decennio tra il 2010 2019 è stato di 0,23° centigradi più caldo del decennio precedente, tutti dati che fanno subito pensare al riscaldamento globale in corso che, come riferisce il capo dello stesso dipartimento meteorologico nazionale, Mrityunjay Mohapatra, “è inconfondibile” considerando che anche che per i primi 10 mesi del 2019 la temperatura media globale è stata di 1,1° centigradi al di sopra della media della temperatura dei livelli preindustriali.

Approfondimenti

Articoli correlati

Condividi questo articolo

Dati articolo

Resta aggiornato su Facebook