Decorazioni smaltate sulle bottiglie degli alcolici possono contenere cadmio e piombo

Un allarme arriva dall’Università di Plymouth riguardante le decorazioni spesso colorate e smaltate presenti sulle bottiglie di bevande quali birra, vino e liquori vari. Queste decorazioni sul vetro contengono spesso elementi tossici come cadmio e piombo, come conferma il nuovo studio apparso su Environmental Science & Technology.

Queste decorazioni spesso smaltate si trovano sulla superficie esterna delle bottiglie e possono presentare altorilievi di varia natura, immagini, loghi, testo o altro e in colori vari.
Il professore in scienze geochimiche e inquinamento acquatico Andrew Turner ha infatti scoperto che alte concentrazioni di cadmio, fino a 20.000 ppm si trovavano nelle decorazioni sulle bottiglie di vari alcolici, in special modo birra e vino, mentre concentrazioni alte di piombo, fino ad 80.000 ppm, si trovavano nelle decorazioni delle bottiglie di vino.

Gli smalti di 12 delle 24 bottiglie con decorazioni smaltate testate dai ricercatori risultavano interamente oppure parzialmente basati sul piombo, sul cadmio o su entrambi.
La ricerca mostra anche che cadmio, piombo e cromo erano presenti anche nel vetro delle stesse bottiglie ma in concentrazioni basse e non allarmanti, differentemente dalle decorazioni.

Inoltre queste decorazioni potevano vedere la perdita, troppo facilmente secondo i test realizzati da ricercatori, di frammenti di questo vetro smaltato, definibili come “pericolosi” secondo la legislazione sugli imballaggi statunitense in relazione alla presenza di tossine.

Lo stesso ricercatore si è dichiarato sorpreso di vedere livelli così elevati di composti tossici in prodotti che sostanzialmente utilizziamo ogni giorno.
Inoltre il vetro è un elemento riciclabile: questo significa che questi composti tossici possono poi facilmente finire, durante il processo stesso di riciclaggio, in altri articoli di utilizzo comune.

Approfondimenti

Articoli correlati

Condividi questo articolo

Dati articolo


Resta aggiornato su Facebook