Dieta chetogenica attiva più muco per contrastare virus dell’influenza nei topi

Il virus dell’influenza può essere contrastato tramite la dieta chetogenica secondo un team di ricercatori dell’Università di Yale che hanno fatto esperimenti su topi nutriti con una particolare dieta che imita quella chetogenica, che negli ultimi anni si sta diffondendo molto.

La dieta chetogenica, che per quanto riguarda le persone può includere alimenti quali pesce, carne, pollame e verdure non amidacee, sembra infatti attivare nei topi un particolare gruppo di cellule T polmonari che migliorano la produzione di muco nelle vie respiratorie. Lo stesso muco aiuta poi ad intrappolare in maniera più efficace i virus dell’influenza, secondo quanto spiegano i ricercatori nello studio apparso su Science Immunology.

Si tratta di una scoperta “del tutto inaspettata”, come dichiara Akiko Iwasaki, professore di immunobiologia e biologia molecolare ed autore senior dello studio nonché ricercatore dell’Howard Hughes Medical Institute.
L’idea di eseguire una ricerca del genere è arrivata a due tirocinanti, Ryan Molony del laboratorio dello stesso Iwasaki e Emily Goldberg che lavora con Visha Deep Dixit, professore di medicina comparata e di in uno biologia ed altro autore senior dello studio.

La domanda di partenza era: come può la dieta che autogenica influenzare il sistema immunitario dei topi in relazione al contrasto agli agenti patogeni come il virus dell’influenza?
I ricercatori hanno svolto esperimenti su topi infettati con il virus dell’influenza: un gruppo veniva alimentato con una dieta che autogenica, un altro con una dieta normale ricca di carboidrati.

Nel gruppo della dieta chetogenica veniva attivato il rilascio di cellule T del sistema immunitario produttrici di muco nei rivestimenti cellulari del polmone, a differenza dei topi dell’altro gruppo.

Approfondimenti

Articoli correlati

Condividi questo articolo

Disclaimer medico

Notizie scientifiche.it è un sito di notizie, non di consigli medici. Leggi anche il nostro disclaimer medico.

Dati articolo


Resta aggiornato su Facebook