Dieta occidentale, scienziati scoprono effetti neurodegenerativi in esperimenti sui topi

Credito: msqrd2, Pixabay, 2167270

Un collegamento tra la tipica dieta occidentale e un rischio più grande di declino cognitivo e neurodegenerazione è stato trovato da un team di ricercatori della Marshall University che hanno pubblicato il proprio studio sulla rivista iScience.[1]
Nel corso di esperimenti sui topi, infatti, i ricercatori hanno scoperto impatti sul cervello nei topi sottoposti ad una dieta con alimenti tipici della dieta occidentale umana attraverso un aumento della segnalazione di Na,K-ATPase negli adipociti, le cellule del grasso.[1]
Detto anche pompa sodio-potassio, Na,K-ATPase è un enzima che si trova nella membrana delle cellule e che svolge diversi compiti.[2]

Esperimenti sui topi

I ricercatori hanno svolto i propri esperimenti sottoponendo i topi ad una tipica dieta occidentale per un periodo di 12 settimane. I topi di questo gruppo, rispetto ai topi del gruppo di controllo che portavano avanti una dieta normale, mostravano vari cambiamenti sia a livello fisiologico che comportamentale. Innanzitutto mostravano una maggiore resistenza all’insulina e poi sembravano avere livelli di ossigeno ridotti nel corpo nonché un livello di energia più basso. Inoltre, è questo forse è il risultato più interessante, mostravano anche un cambiamento a livello di comportamento con modifiche che, negli esseri umani, attribuiremmo ad una fase iniziale di Alzheimer o di Parkinson.[1]

Effetti della dieta occidentale sui topi

Nello studio i ricercatori scrivono di avere scoperto che una dieta occidentale sembra produrre dello stress ossidativo sistemico oltre all’attivazione della segnalazione Na,K-ATPasi, sia nel cervello che nei tessuti periferici.
Inoltre la dieta occidentale produceva un aumento delle citochine infiammatorie oltre a cambiamenti biochimici all’interno del cervello riferibili ad un processo di neurodegenerazione.
Gli effetti negativi si avevano soprattutto sull’ippocampo, una regione del cervello generalmente collegabile alle risposte emotive e alla memoria a lungo termine.[1]

Possibile nuovo bersaglio per disturbi neurodegenerativi?

Inoltre i ricercatori scoprivano che in questi topi, con la somministrazione di un antagonista (NaKtide), uno specifico per gli adipociti responsabili dei cambiamenti a seguito della dieta occidentale, i marcatori della neurodegenerazione miglioravano e in generale migliorava la fisiopatologia degli animali.
Secondo i ricercatori qualora questi risultati valessero anche negli esseri umani, si potrebbe pensare di utilizzare l’enzima Na,K-ATPase negli adipociti come un nuovo bersaglio clinico per i disturbi neurodegenerativi.[1]

Dieta occidentale

Secondo Wikipedia in inglese una dieta occidentale è caratterizzata da un’assunzione relativamente elevata di cibi quali carne rossa, in particolare lavorata, alimenti preconfezionati, alimenti fritti, latticini con alto contenuto di grassi, uova, cereali, mais, patate, dolciumi e quantità di frutta non lavorata, di verdure, di legumi, di carne bianca e di cibi integrali non sufficienti per una dieta considerabile come sana.[3]

Note e approfondimenti

  1. Role of Adipocyte Na,K-ATPase Oxidant Amplification Loop in Cognitive Decline and Neurodegeneration: iScience (IA) (DOI:/10.1016/j.isci.2021.103262)
  2. Na+/K+-ATPase – Wikipedia in inglese (IA)
  3. Western pattern diet – Wikipedia in inglese (IA)
Condividi questo articolo

Disclaimer notizie

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001. L’autore non è responsabile di altri siti collegati tramite link né del loro contenuto che può essere soggetto a variazioni nel tempo.

Notizie scientifiche.it usa i cookie per migliorare l'esperienza di navigazione (Leggi di più)

notiziescientifiche.it partecipa al Programma Affiliazione Amazon EU, un programma di affiliazione che consente ai siti di percepire una commissione pubblicitaria pubblicizzando e fornendo link al sito Amazon.it

Disclaimer medico

Notizie scientifiche.it è un blog di notizie, non un sito di consigli medici. Leggi anche il disclaimer medico.

Dati articolo