Dieta può influire su motilità degli spermatozoi anche in pochi giorni secondo studio

La dieta potrebbe avere un effetto più potente di quanto calcolato da precedenti ricerche riguarda la qualità dello sperma secondo un nuovo studio apparso su PLOS Biologye realizzato dalla ricercatrice Anita Öst, professoressa dell’Università di Linköping.

La ricercatrice ha in particolare analizzato quei giovani sottoposti ad una dieta molto ricca di zucchero ed è giunta alla conclusione che la dieta può influenzare in maniera massiccia la motilità degli stessi spermatozoi eseguendo determinati cambiamenti specifiche molecole in essi contenuti.
Questi cambiamenti si rivelano già dopo una o due settimane, come afferma la stessa ricercatrice nel comunicato stampa.

Nello specifico la ricercatrice, insieme ai colleghi, ha analizzato gli effetti della dieta su 15 giovani normali, non fumatori, che avevano seguito una dieta che aveva come unica eccezione un’aggiunta di zucchero rappresentata da circa 3,5 litri di bevande gassate oppure da 450 g di dolci ogni giorno ma solo dopo la seconda settimana di sperimentazione.

Confrontando i dati relativi allo sperma di questi giovani tra la prima settimana e la seconda settimana, i ricercatori si accorgevano che la motilità degli spermatozoi cambiava già in questo breve periodo ed era associabile alla dieta che i giovani portavano avanti.
In particolare i ricercatori si accorgevano che piccoli frammenti di RNA collegati alla motilità degli spermatozoi erano cambiati.

La stessa qualità dello sperma venire meno a causa di diversi fattori ambientali o dello stile di vita ma questo studio si è interessato in particolare alle cause di tipo epigenetico, ossia quei cambiamenti che possono essere ricondotti a variazione del espressione genica dei maschi e ciò poteva avere influenze anche sulla prole.

Già in precedenza alcuni esperimenti avevano mostrato che i moscerini della frutta maschi che avevano consumato troppo zucchero poco prima dell’accoppiamento producevano una prole maggiormente in sovrappeso.

Approfondimenti

Articoli correlati

Condividi questo articolo

Disclaimer medico

Notizie scientifiche.it è un sito di notizie, non di consigli medici. Leggi anche il nostro disclaimer medico.

Dati articolo


Resta aggiornato su Facebook