Difficoltà nell’apprendimento dei bambini causate da insufficente connettività

Secondo uno studio apparso su Current Biology, le difficoltà di apprendimento nel cervello dei bambini non possono essere collegate a regioni specifiche del cervello stesso ma alla connettività scarsa tra gli “hub” che sono presenti all’interno del cervello.
È di questo parere un team di ricercatori dell’Università di Cambridge i quali hanno voluto analizzare le difficoltà che molti bambini, tra il 14 e il 30% secondo l’articolo presente sul sito della stessa università inglese, affrontano in termini di apprendimento.

Queste difficoltà possono essere poi spesso collegate a problemi di natura cognitiva o comportamentale. È opinione comune tra i neurobiologi che queste difficoltà siano collegabili a specifiche aree del cervello. Ad esempio il disturbo da deficit dell’attenzione ed iperattività (ADHD) è stato collegato alla corteccia cingolata anteriore e ad altre zone quali il cervelletto, il nucleo caudato, la corteccia prefrontale, eccetera.
Un così alto numero di regioni collegate a questo disturbo è stato spiegato nel fatto che ogni diagnosi differisce tra un individuo il successivo e ogni individuo mostra combinazioni di regioni cerebrali collegate al disturbo diverse.

Il team di ricercatori Cognition and Brain Sciences Unit di Cambridge spiega questa cosa in maniera diversa: non esisterebbero aree cerebrali specifiche che causano queste difficoltà, piuttosto il cervello dei bambini è organizzato attorno a degli “hub”, come una sorta di social network.
Quei bambini che hanno degli hub ben collegati sembrano avere o difficoltà cognitive molto specifiche oppure non avere alcuna difficoltà cognitiva. Di contro, i bambini con hub non molto ben collegati mostrano problemi cognitivi più diffusi e gravi.

I ricercatori hanno svolto esperimenti su 479 bambini, 337 dei quali avevano mostrato problemi cognitivi legati all’apprendimento. I ricercatori hanno utilizzato la tecnica dell’apprendimento automatico e hanno effettuato scansioni cerebrali tramite risonanza magnetica.

“Gli scienziati hanno sostenuto per decenni che ci sono specifiche regioni del cervello che prevedono un particolare disturbo o difficoltà di apprendimento, ma abbiamo dimostrato che non è così”, dichiara Duncan Astle, l’autore senior dello studio. “In effetti, è molto più importante considerare il modo in cui queste aree del cervello sono collegate, in particolare se sono collegate tramite hub. La gravità delle difficoltà di apprendimento è stata fortemente associata alla connessione di questi hub, riteniamo che questi hub giochino un ruolo chiave ruolo nella condivisione delle informazioni tra le aree cerebrali”.

Approfondimenti

Articoli correlati

Condividi questo articolo

Disclaimer medico

Notizie scientifiche.it è un sito di notizie, non di consigli medici. Leggi anche il nostro disclaimer medico.

Dati articolo

Resta aggiornato su Facebook