Dinosauri rapaci probabilmente non cacciavano in branchi secondo nuovo studio

File:Deinonychus antirrhopus (credito: Michal Maňas, via Wikimedia Commons)

La sagra dei film di Jurassic Park potrebbe essere in errore: i dinosauri “rapaci”, in primis il Velociraptor, non attaccavano in branco o comunque lo facevano in maniera molto limitata. Il nuovo studio, pubblicato su Palaeogeography, Palaeoclimatology, Palaeoecology, mostra infatti che questi dinosauri non erano soliti cacciare in grandi branchi coordinati, come ad esempio fanno i cani, ma piuttosto attaccavano singolarmente oppure attaccano in gruppo ma come fanno, per esempio i draghi di Komodo, con una cooperazione molto limitata e indirizzata solamente all’abbattimento diretto della preda.

Come spiega Joseph Frederickson, paleontologo nonché direttore del Weis Earth Science Museum, uno degli autori dello studio, non esistono prove convincenti del fatto che i dinosauri rapaci cacciassero in branchi simili a lupi: “Il problema con questa idea è che i dinosauri viventi (uccelli) e i loro parenti (coccodrilli) di solito non cacciano in gruppo e raramente cacciano prede più grandi di loro. Inoltre, comportamenti come la caccia in branco non si fossilizzano, quindi non possiamo testare direttamente se gli animali hanno effettivamente lavorato insieme per cacciare le prede “.

Frederickson però propone che esiste un collegamento, questo sì analizzabile, tra la dieta degli animali mentre crescono e la caccia in branco. Ad esempio tra i draghi di Komodo i membri più giovani
sono soliti non unirsi nei branchi, anzi rifugiarsi da essi, perché in questa specie i più piccoli possono essere mangiati dei più grandi.
Spesso si rifugiano tra i cespugli o sugli alberi e qui si adattano a mangiare alimenti che poi da grandi difficilmente toccheranno. Se lo stesso comportamento fosse stato in auge anche tra i dinosauri rapaci, forse potrebbe essere possibile capire se davvero cacciavano in gruppo o meno.

Per scoprirlo il ricercatore, insieme ai colleghi, ha analizzato a livello chimico i denti del dinosauro rapace Deinonychus, vissuto in Nordamerica 115 e 108 milioni di anni fa, e li ha confrontati con quelli di un coccodrillo e di un dinosauro erbivoro della stessa era geologica. I ricercatori scoprivano che i denti più piccoli e quelli più grandi non avevano gli stessi valori medi di isotopi di carbonio, cosa che indicavano che piccoli ed adulti di questa specie di dinosauro mangiavano cibi diversi. Cosa che indica, a sua volta, che i giovani non venivano nutriti dagli adulti e che ha portato a pensare che i branchi in stile Jurassic Park non possano aderire alla realtà.

Approfondimenti

Articoli correlati

Condividi questo articolo

Dati articolo

Resta aggiornato su Facebook