Donna araba si risveglia da stato vegetativo dopo 28 anni

La donna è ora cosciente e può tenere conversazioni (credito: Khushnum Bhandari for The National)

Una donna degli Emirati Arabi Uniti si è svegliata dal coma riacquistando la piena coscienza dopo 28 anni in stato vegetativo. La donna aveva avuto un grave incidente automobilistico nel 1991 all’età di 32 anni entrando subito in stato vegetativo.
In patria i medici hanno sempre dichiarato che non si sarebbe mai svegliata ma nel 2017 i parenti l’hanno trasferita in Germania. Qui è stata curata con diverse terapie fisiche e nuovi farmaci fino a quando l’anno scorso ha cominciato a mostrare leggeri segni di reattività.

Omar Webair, il figlio della donna, dichiara che non ha mai avuto dubbi riguardo al fatto che si fosse svegliata. L’uomo, che quando la donna subì l’incidente aveva solo quattro anni, probabilmente non ricorda molto bene la scena: un autobus scolastico si scontrò con la loro auto nella città di Al Ain ma lui non subì troppi danni perché la madre lo abbracciò per proteggerlo.
Purtroppo la donna subì una grave lesione cerebrale dalla quale non si è mai più ripresa fino al trasferimento in Germania.

La donna si trovava in uno stato minimamente cosciente, una sorta di coma più leggero in cui il paziente resta comunque sensibile al dolore. In tutti questi anni è stata alimentata attraverso i macchinari ed ha effettuato anche sedute passive di fisioterapia affinché i muscoli non si deteriorassero definitivamente. Tutto questo fino a quando il principe ereditario di Abu Dhabi si è offerto, nel 2017,di pagare il costoso trasferimento con annesso trattamento in Germania.

Qui la donna ha lentamente migliorato le sue condizioni fino al giorno in cui ha pronunciato il nome del figlio, con grossa sorpresa di quest’ultimo. Ora è in grado di tenere una conversazione e recita anche le preghiere. Oggi è tornata ad Abu Dhabi e, sua famiglia dove continua a ricevere le cure comunque necessarie.

Fonti e approfondimenti

Articoli correlati

Condividi questo articolo


Resta aggiornato su Facebook