Donne che bevono più caffè mostrano meno grasso addominale

Credito: StockSnap via Pixabay, 2559723)

Bere caffè, fino a 2-3 tazze al giorno, può essere collegato ad una massa di grasso corporeo, Soprattutto quello addominale inferiore, per quanto riguarda le donne rispetto alle altre che ne bevono meno o che non lo bevono. È il risultato cui è giunto un nuovo studio apparso sul Journal of Nutrition.
Il risultato è stato ottenuto dai ricercatori analizzando i dati del National Health and Nutrition Examination Survey del Center for Disease Control (CDC) statunitense.

Questi dati contenevano anche le abitudini da parte dei soggetti riguardo all’assunzione quotidiana del caffè, una delle bevande più consumate al mondo. I ricercatori scoprivano che quelle donne con età compresa tra i 20 e i 44 anni che assumevano due o tre tazze di caffè al giorno mostravano livelli più bassi di adiposità del 3,4% rispetto alle donne che non bevevano caffè.

Per quanto riguarda le donne con un’età compresa tra i 45 e i 69 anni, quelle che bevevano quattro tazze di caffè o più mostravano una percentuale di adiposità più bassa del 4,1%.
In generale le donne che bevevano due o tre tazze di caffè ogni giorno mostravano una percentuale media di grasso inferiore del 2,8% rispetto quelle donne che non bevevano tali quantità o che non ne bevevano affatto.

La relazione negli uomini era meno significativa: gli uomini con un’età tra i 20 e i 44 anni che bevevano due o tre tazze al giorno mostravano di avere l’1,3% in meno di grassi totali e l’1,8% di grassi del tronco (grasso addominale e ai fianchi) rispetto a coloro che non bevevano caffè.

Questo significa che nello stesso caffè, oltre alla già nota caffeina, devono essere presenti altri composti bioattivi che contrastano l’obesità e il grasso. Questo a sua volta può significare che il caffè e i suoi ingredienti base potrebbero essere utilizzati in terapie o strategie per ridurre il gra Lee Smith, l’autore senior dello studio e ricercatore della sso e contrastare in generale l’obesità, come lascia intendere Anglia Ruskin University.

Approfondimenti

Articoli correlati

Condividi questo articolo

Disclaimer medico

Notizie scientifiche.it è un sito di notizie, non di consigli medici. Leggi anche il nostro disclaimer medico.

Dati articolo

Resta aggiornato su Facebook