Droni di consegna possono fare autostop su autobus per aumentare autonomia

Droni che fanno autostop sui veicoli di trasporto pubblico, in special modo sugli autobus, per effettuare in maniera più efficiente le proprie consegne. È l’idea che è arrivata ad un gruppo di ricerca di Stanford.
Le simulazioni che hanno creato mostrano che è fattibile: un’intera flotta di droni di consegna può operare “approfittando” delle reti di transito terrestre.

Nella configurazione che hanno creato, e che hanno tra l’altro presentato alla Conferenza internazionale IEEE su robotica e automazione (ICRA), i droni erano in grado di attraccare in sicurezza sugli autobus pubblici in transito per risparmiare energia e aumentare l’autonomia del volo.
Un algoritmo, poi, decideva quali erano quei droni che dovevano fare questo particolare autostop e lo stesso algoritmo gestiva anche l’ordine delle varie consegne.

I ricercatori hanno eseguito simulazioni su due reti di autobus pubbliche, quella di San Francisco e quella dell’area metropolitana di Washington. Con il metodo dell’autostop, i droni riuscivano a quadruplicare il raggio di volo effettivo approfittando dei bus in transito.
“I droni di consegna sono il futuro”, ha affermato Kochenderfer. “Usando il trasporto via terra in modo giudizioso, i droni hanno il potenziale per fornire un trasporto sicuro, pulito ed economico”, spiegano i ricercatori.
Al progetto stanno partecipando lo Stanford Intelligent Systems Laboratory e l’Autonomous Systems Laboratory.

Approfondimenti

Articoli correlati

Condividi questo articolo

Dati articolo

Resta aggiornato su Facebook