Due gradi di riscaldamento causeranno rilascio di 230 miliardi di tonnellate di carbonio dal suolo

Un ulteriore riscaldamento di 2 gradi centigradi a livello globale causerebbe il rilascio nell’atmosfera di 230 miliardi di tonnellate di carbonio provenienti dal suolo secondo un nuovo studio condotto da ricercatori dell’Università di Exeter che dunque sottolinea ancora una volta quanto il suolo giochi un ruolo di primo piano per quanto riguarda il riscaldamento globale in corso e i cambiamenti climatici che ne seguono.
Coadiuvati da ricercatori internazionali, il team dell’Università britannica calcola i 2 gradi di riscaldamento rispetto ai livelli preindustriali e la stima che hanno calcolato (230 miliardi di tonnellate di carbonio) equivale a quattro volte le emissioni totali della Cina e a due volte le emissioni totali degli Stati Uniti nel corso degli ultimi 100 anni.

“Il nostro studio esclude le proiezioni più estreme, ma nondimeno suggerisce sostanziali perdite di carbonio nel suolo dovute al cambiamento climatico a soli 2° C di riscaldamento, e questo non include nemmeno le perdite di carbonio del permafrost più profondo”, spiega Sarah Chadburn, ricercatrice a Exeter che ha condotto lo studio.
I ricercatori spiegano di averlo usato nuove combinazioni di dati osservativi e relativi a modelli del sistema terrestre, dati che simulano il ciclo del carbonio nonché il clima mondiale per eseguire le previsioni.

Secondo i modelli più diffusi, l’incertezza riguardo alla stima è di circa 120 miliardi di tonnellate di carbonio con 2 gradi di riscaldamento medio globale al di sopra dei livelli preindustriali. Questo nuovo studio riduce questa incertezza circa 50 miliardi di tonnellate, una riduzione che, secondo il professor Peter Cox, del Global Systems Institute a Exeter, “è vitale per calcolare un bilancio globale accurato del carbonio e raggiungere con successo gli obiettivi dell’accordo di Parigi”.
Lo studio è stato pubblicato su Nature Communications.

Approfondimenti

Articoli correlati

Condividi questo articolo

Dati articolo

Resta aggiornato su Facebook