Due jet dell’Aeronautica superano muro del suono, spavento in Lombardia

Aereo che supera il muro del suono (credito: FA-18 Hornet breaking sound barrier (7 July 1999) - filtered - Sound barrier, PD, cropped)

Sono stati due jet dell’aeronautica militare italiana ad aver prodotto i due “botti” che diverse centinaia di migliaia di persone stamattina hanno avvertito in Lombardia, poco dopo le 11. I due jet F-2000 Eurofighter erano partiti dalla base areonautica di Istrana, in provincia di Treviso, come procedura standard a seguito delle mancate risposte alla radio di un Boeing 777 di Air France.
Le attuali procedure, infatti, prevedono che almeno due caccia debbano rintracciare l’aereo e volargli a fianco onde prevenire eventuali attacchi terroristici nel caso i veicoli fossero dirottati.

Tuttavia lo stesso aeromobile della Air France ha poi risposto alla radio facendo sì che i due jet della reumatica ritornassero alla base.
Resta però la paura di tutte quelle persone che hanno udito i due botti propagatisi nell’aria a seguito del superamento della barriera del suono, superamento tra l’altro ordinato dalla stessa base a reumatica affinché i due velivoli potessero raggiungere al più presto l’aereo.

Social network impazziti, scuole chiuse

Naturalmente i social network sono subito impazziti: sono migliaia e migliaia di messaggi di persone spaventate che si domandano fra loro, anche in questi minuti, quale possa essere la causa di questi due botti. Il loro rumore si è amplificato, naturalmente, anche grazie al fatto che si è sviluppato ad una certa altezza e ciò ha permesso alle onde sonore di propagarsi velocemente ed in ogni direzione.

La paura è stata così tanta che in alcune cittadine e comuni dell’hinterland milanese sono state evacuate anche alcune scuole e, Bergamo, anche il tribunale. Anche nella città di Milano le segnalazioni sono state numerose, non solo sui social network.

Che cos’è il muro del suono?

Ma che cos’è il superamento del cosiddetto “muro del suono”? In sostanza si tratta di un normalissimo fenomeno fisico che si ottiene quando un oggetto raggiunge una determinata velocità uguale o superiore a quella del suono, ossia 1234 chilometri orari (ad una temperatura dell’aria di 20°), definita anche velocità Mach 1. Questo superamento causa un’onda d’urto improvvisa che si diffonde nell’aria e provoca un botto o un doppio botto supersonico.

Fonti e approfondimenti



Condividi questo articolo

Resta aggiornato su Facebook: clicca su “Mi piace questa pagina”


Commenta per primo

Rispondi