È confermato: virus cinese di Wuhan può essere trasmesso da umano a umano

Il misterioso virus che si è propagato in Cina, nello specifico nell’area di Wuhan, può essere trasmesso da essere umano ad essere umano.
La tanto temuta caratteristica di questo virus viene quindi confermata dalle autorità cinesi dopo che ha infettato più di 160 persone in Cina e in altri tre paesi asiatici.

A confermare la trasmissione da uomo a uomo è Zhong Nanshan, ricercatore a capo della commissione sanitaria che è stata messa in piedi a seguito del diffondersi dell’epidemia.
Secondo Nanshan sarebbero almeno due i casi di infezione causati da trasmissione da umano a umano e almeno uno dei casi avrebbe coinvolto del personale medico rimasto infettato, secondo quanto riferisce l’agenzia di stampa nazionale Xinhua.

La conferma arriva con la decisione da parte della Commissione per la Salute Nazionale cinese di rendere obbligatorio lo screening delle temperature corporee per i passeggeri di tutti gli areoporti, anche perché in questo periodo sono milioni i cinesi si trovano in viaggio per il Capodanno.

Tra i 160 infettati, per il momento sono solo tre i decessi ma ciò che ha fatto preoccupare maggiormente è che nello scorso fine settimana i nuovi casi sono triplicati diventando 139 solo in Cina. Il virus si è diffuso da Wuhan anche ad altre città della Cina, tra cui Pechino, Shanghai e la zona meridionale della provincia di Guangdong.
Diversi altri casi sono poi stati identificati in Thailandia, in Giappone e in Corea del Sud.

Si ritiene che il virus appartenga alla stessa famiglia di coronavirus della SARS (sindrome respiratoria acuta grave), un’altra infezione che uccise diverse centinaia di persone in varie aree del mondo tra il 2002 e 2003. Anche il virus della SARS, tra l’altro, ebbe origine in Cina.

Del virus si sa così poco che non è stato ancora classificato nè denominato (lo si chiama “virus di Wuhan”). Sembra abbia avuto origine nel mercato del pesce di Wuhan, una popolosa città con più di 10 milioni di abitanti della Cina orientale.

Approfondimenti

Articoli correlati

Condividi questo articolo

Dati articolo

Resta aggiornato su Facebook