È nato prima l’uovo o la gallina? Secondo la meccanica quantistica entrambi sono venuti per primi

Il paradosso dell'uovo e della gallina (credito: University of Queensland)

Il famoso paradosso dell’uovo e della gallina ha arrovellato le menti di filosofi e studiosi fin da quando è nata la logica o la filosofia. Il paradosso fu infatti posto per la prima volta dai filosofi dell’antica Grecia.
Ma mai erano stati applicati i principi della meccanica quantistica a questo paradosso. Ci hanno provato alcuni fisici dell’Università del Queensland e dell’Istituto NÉEL. Il risultato? Sia l’uovo che la gallina possono entrambi venire per primi.

È questo quello che asserisce il dottor Jacqui Romero, autore della relativa ricerca apparsa su Physical Review Letters.
Romero sottolinea quanto la logica della causa e dell’effetto non possa essere poi così semplicemente applicata quando si parla del mondo quantistico: “Prendi l’esempio del tuo percorso giornaliero al lavoro, quando viaggi in parte in autobus e in parte in treno. Normalmente, dovresti prendere l’autobus, poi il treno, o viceversa. Nel nostro esperimento, entrambi questi eventi possono accadere per primi. Questo è chiamato ‘ordine causale indefinito’ e non è qualcosa che possiamo osservare nella nostra vita quotidiana”.

L’esperimento si è basato su un dispositivo denominato switch quantico fotonico, un particolare dispositivo grazie al quale le trasformazioni relative alla forma della luce dipendono dalla polarizzazione, come spiega Fabio Costa, altro ricercatore impegnato proprio in questo esperimento, che parla anche di applicazioni pratiche: “Misurando la polarizzazione dei fotoni all’uscita dell’interruttore quantico, siamo stati in grado di mostrare che l’ordine delle trasformazioni sulla forma della luce non era impostato. Questa è solo una prima prova di principio, ma su un ordine causale indefinito su più larga scala si possono avere reali applicazioni pratiche, come rendere i computer più efficienti o migliorare la comunicazione”.

Fonti e approfondimenti

Articoli correlati


Condividi questo articolo

Resta aggiornato su Facebook: clicca su “Mi piace questa pagina”


Commenta per primo

Rispondi