Ecco come funzionano gli integratori con melatonina che favoriscono il sonno

Caennorhabditis elegans (credito: Bojun Chen/UConn Health)

Per favorire il sonno, ad esempio anche per superare il cosiddetto jet lag che si verifica soprattutto quando si fanno lunghi spostamenti in aereo, si possono usare anche integratori alimentari con melatonina. Quest’ultimo è un ormone che di solito viene prodotto dalla ghiandola pineale, una ghiandola che si trova nel cervello, e che influisce sull’ipotalamo, una regione importante del cervello stesso, rendendo più effettivo il ciclo sono-veglia. Può essere acquistata in farmacia ma viene comunque prodotta anche da altri animali, oltre che da piante e microrganismi.

Tuttavia non si sa davvero come funzioni e come abbia effetto sul cervello. Si sa che questa sostanza si lega ai recettori della melatonina già presente nel cervello tramite due fori presenti nei neuroni denominati MT1 e MT2, ma non si conosce come la melatonina stessa riesce a sbloccare la serratura di questi due buchi.
Un nuovo studio, condotto da ricercatori della UConn Health, ha visto un team di ricercatori eseguire analisi sui neuroni del verme Caennorhabditis elegans proprio per capire le modalità che la melatonina usa per entrare nei neuroni ed avere l’effetto positivo sul cervello.

I ricercatori hanno scoperto che quando la melatonina si introduce nel recettore MT1 nel cervello del piccolo verme apre un canale del potassio denominato canale BK. Questo canale limita il rilascio dei neurotrasmettitori, sostanze chimiche che i neuroni del cervello usano per comunicare tra loro. I ricercatori hanno scoperto che la melatonina influisce positivamente sul sonno attivando canale BK tramite il recettore della melatonina stessa.
Ora i ricercatori vogliono svolgere esperimenti sui topi per capire se la relazione melatonina-MT1-BK è presente anche in questi animali. Il canale BK di per sé era già conosciuto perché ha un ruolo in diversi eventi del corpo, dall’ipertensione all’epilessia.

Approfondimenti

Articoli correlati

Condividi questo articolo

Disclaimer medico

Notizie scientifiche.it è un sito di notizie, non di consigli medici. Leggi anche il nostro disclaimer medico.

Dati articolo

Resta aggiornato su Facebook