Ecco come i virus possono infettare i batteri proteggendoci dalle infezioni

Immagine al microscopio di crescita batterica. Credito: Gabriel Almeida / Università di Jyväskylä

Nel tentativo di capire come i fagi infettano i batteri, un’azione che può rivelarsi molto utile come arma di contrasto agli stessi batteri e alle infezioni che apportano, un gruppo di ricercatori dell’Università finlandese di Jyväskylä ha eseguito diversi esperimenti utilizzando i pesci.

I ricercatori hanno confermato le modalità di “attacco” dei fagi: questi ultimi tendono infatti a legarsi alla superficie della mucosa nel corpo dei pesci e qui restano per giorni attaccando i batteri e proteggendo il corpo del pesce dalle infezioni.
Lo stesso muco aumentava la virulenza e la suscettibilità dei batteri amplificando dunque l’azione dei fagi.

Questa ricerca, molto importante perché potrà essere di utilità per capire di più per quanto riguarda le interazioni tra gli agenti patogeni e la mucosa ospite nonché per comprendere le reali possibilità di sfruttamento degli stessi fagi come arma di contrasto per i batteri nel corpo umano, è stata pubblicata sulla rivista mBio.

I ricercatori hanno lavorato sulle trote iridee (Oncorhynchus mykiss) e con i batteri della specie Flavobacterium columnare, un batterio che di solito infetta i pesci.

Approfondimenti

Articoli correlati

Condividi questo articolo

Dati articolo


Resta aggiornato su Facebook