Ecco come il cervello elabora i volti: decodifica per prima cosa sesso e età in pochi millisecondi

Noi essere umani, rispetto agli altri mammiferi e in generale agli altri animali, siamo molto bravi nel riconoscere e in generale nell’elaborare i volti. Ad esempio siamo bravissimi nel percepire e nel riconoscere un volto che abbiamo già visto.
Esistono infatti specifiche regioni del cervello specializzate proprio per queste funzioni. Ma cosa osserviamo in prima istanza quando guardiamo la faccia di qualcuno? Guardiamo prima le proprietà generali o prima i dettagli?

Cervello decodifica innanzitutto sesso ed età

Uno studio, prodotto da un gruppo di neuroscienziati del McGovern Institute for Brain Research e pubblicato su Nature Communications, rivela che il cervello, per prima cosa, decodifica due caratteristiche principali quando osserviamo un volto: il sesso e l’età.
I ricercatori, invece di utilizzare la classica risonanza magnetica funzionale, che si rivela troppo lenta per tenere il passo con questi processi che funzionano a livello di millisecondi, hanno utilizzato una particolare tecnica, denominata magnetoencefalografia e sviluppata dal ricercatore del MIT David Cohen, che rileva anche le minuscole fluttuazioni dei campi magnetici che si sviluppano con l’attività elettrica del cervello.

Dati recepiti in pochi millisecondi

I ricercatori hanno scoperto che, tramite un breve sguardo, estraiamo in pochi millisecondi i principali dati relativi alla persona che stiamo osservando, come sesso, età ed eventualmente l’identità, se il soggetto è già conosciuto.
Secondo i risultati della ricerca, infatti, il cervello risponde a tratti grossolani, come il genere di un volto, in maniera molto più veloce rispetto all’identità del volto stesso. In 60-70 millisecondi, il cervello ha già decodificato l’età e il sesso della persona che stiamo guardando e solo 30 millisecondi dopo inizia ad elaborare l’identità, nel caso la persona sia riconosciuta.

Studio utile per la prosopagnosia?

Questo studio potrebbe rivelarsi, tra le altre cose, molto utile per approfondire i casi di prosopagnosia, una condizione per la quale alcune persone sono incapaci di identificare le facce, anche quelle dei familiari, ma allo stesso tempo non hanno problemi a determinarne il genere, cosa che aveva già dato alcuni indizi relativamente al fatto che queste caratteristiche sono riconosciute dal cervello in maniera indipendente.

Fonti e approfondimenti

Articoli correlati

Condividi questo articolo

Disclaimer medico

Notizie scientifiche.it è un sito di notizie, non di consigli medici. Leggi anche il nostro disclaimer medico.

Resta aggiornato su Facebook

Commenta per primo

Rispondi