Ecco come l’argento uccide i batteri

L’argento ha proprietà antimicrobiche e può essere utilizzato anche per uccidere batteri. Tuttavia il processo attraverso il quale annienta i batteri ancora non è chiaro. Un nuovo studio, condotto da ricercatori dell’Università dell’Arkansas, cerca di colmare, almeno in parte questo vuoto. Lo studio è stato pubblicato su Applied and Environmental Microbiology.

I ricercatori, guidati da Yong Wang, professore di fisica e autore principale dello studio, hanno utilizzato una tecnica avanzata d’imaging denominata microscopia di localizzazione fotoattivata a tracciamento di singole particelle. Il tutto per osservare tracciare in tempo reale una proteina dei batteri Escherichia coli.
Nel corso delle osservazioni, i ricercatori hanno scoperto che gli ioni d’argento acceleravano la dinamica di questa proteina. “È noto che gli ioni d’argento possono sopprimere e uccidere i batteri; ci aspettavamo quindi che tutto rallentasse i batteri quando veniva trattato con argento. Ma, sorprendentemente, abbiamo scoperto che la dinamica di questa proteina è diventata più veloce”, riferisce Wang .

Nello specifico i ricercatori osservavano che gli ioni d’argento innescavano una separazione dei filamenti accoppiati di DNA nei batteri e quindi il legame tra la proteina e il DNA si indeboliva come spiega ancora Wang: “Quindi la dinamica più veloce delle proteine causate dall’argento può essere compresa. Quando la proteina è legata al DNA, si muove lentamente insieme al DNA, che è un’enorme molecola nei batteri. Al contrario, quando trattate con argento, le proteine cadono dal DNA, muovendosi da sole e quindi più velocemente. ”
Ora l’obiettivo è la produzione di nuovi antibiotici basati su nanoparticelle d’argento che possano essere più efficienti di quelli oggi disponibili.

Approfondimenti

Condividi questo articolo

Disclaimer notizie

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001. L’autore non è responsabile di altri siti collegati tramite link né del loro contenuto che può essere soggetto a variazioni nel tempo.

Notizie scientifiche.it usa i cookie per migliorare l'esperienza di navigazione (Leggi di più)

notiziescientifiche.it partecipa al Programma Affiliazione Amazon EU, un programma di affiliazione che consente ai siti di percepire una commissione pubblicitaria pubblicizzando e fornendo link al sito Amazon.it

Dati articolo