Ecco come potrebbe apparire la Terra agli astronomi alieni

Superficie della Terra vista come se fosse un esopianeta (credito: arXiv:1908.04350v1)

Per capire come eventuali civiltà aliene intelligenti potrebbero osservare la Terra ed eventualmente comprendere che sul nostro pianeta esiste la vita un gruppo di ricercatori ha pensato di trasformare ed adattare le immagini che possediamo dell’unico pianeta con presenza di vita che conosciamo.

Parliamo naturalmente della Terra e delle immagini riprese dai satelliti ad altri veicoli spaziali, immagini che gli stessi ricercatori hanno analizzato e modificato per farle apparire eventualmente simili a quelle che eventuali astronomi alieni vedrebbero osservandoci.

Hanno lavorato su varie migliaia di immagini della Terra catturate dal satellite americano Deep Space Climate Observatory, un satellite che si trova in un punto d’osservazione interessante in cui esiste una sorta di equilibrio gravitazionale tra la Terra e il Sole.
Le immagini, che sono state scattate a 10 lunghezze d’onda specifiche, sono state modificate dai ricercatori che hanno operato sulle curve di luce riuscendo a capire quali parametri di queste curve corrispondevano a al terreno e quali ad altri dettagli come la copertura nuvolosa.

Dopo aver compreso queste relazioni, le hanno adattate alla rotazione terrestre. Il risultato è una sorta di mappa terrestre che presenta vari contorni approssimativi dei principali continenti, contorni rappresentati da una linea nera che segue grossolanamente le linee costiere, e varie aree di colore diverso che indicano l’oceano e le terre emerse.

Una mappa che gli stessi ricercatori definiscono come “la prima mappa della superficie bidimensionale (2D) della Terra ricostruita dalle osservazioni sulla curva della luce senza ipotesi sulle sue proprietà spettrali” nell’abstract dello studio presentato per il momento Su arXiv.
Lo stesso studio potrebbe essere di utilità per ricostruire le caratteristiche superficiali degli esopianeti simili alla Terra nelle future osservazioni.

Approfondimenti

Articoli correlati

Condividi questo articolo


Resta aggiornato su Facebook