Ecco cosa succede nel cervello quando ci arrendiamo

Illustrazione che mostra cosa succede quando ci arrendiamo: neuroni (verde) sopprimono la dopamina (credito: Max Huffman)

Un nuovo studio pubblicato ieri su Cell ci fornisce alcune informazioni riguardanti i processi che si attivano nel cervello quando ci arrendiamo o rinunciamo a qualcosa.
All’interno del cervello particolari neuroni emettono la nociceptina, una particolare molecola complessa che sopprime la dopamina. Quest’ultima è una sostanza che è invece associata alla motivazione.

I neuroni che producono nociceptina sono stanziati vicino ad una particolare area del cervello denominata area tegmentale ventrale, un’area tra l’altra già nota perché contiene i neuroni che rilasciano dopamina nel corso delle attività piacevoli.
Questo studio “apre una prospettiva completamente nuova” su quest’area del cervello, come dichiara Christian Pedersen, studente in bioingegneria dell’Università di Washington nonché uno degli autori dello studio.

Secondo il ricercatore, l’informazione più importante relativa a questo studio sta nel fatto che “i grandi neurotrasmettitori complessi noti come neuropeptidi hanno un effetto molto robusto sul comportamento degli animali” agendo sull’area tegmentale ventrale.
I ricercatori hanno esaminato i neuroni dei topi. Quest’ultimi, per ottenere del saccarosio, dovevano infilare il proprio muso in un angusto spazio. Un’attività che i ricercatori rendevano sempre più difficile per i topi tanto che man mano i roditori rinunciavano.

Durante queste attività, i ricercatori registravano le attività neurali e notavano che esistevano specifici neuroni responsabili della demotivazione o della frustrazione che diventavano più attivi man mano che il compito dei topi diventava più difficile, tanto da far smettere loro di tentare.
Si tratta di un comportamento che la stessa evoluzione ha modellato: persistere nel cercare del cibo in situazioni svantaggiose se non proibitive può esporre gli animali ai predatori oppure ad un inutile dispendio energetico.

Approfondimenti

Articoli correlati

Condividi questo articolo

Disclaimer medico

Notizie scientifiche.it è un sito di notizie, non di consigli medici. Leggi anche il nostro disclaimer medico.

Resta aggiornato su Facebook