Ecco il Callichimaera perplexa, lo strano granchio vissuto 95 milioni di anni fa

Rappresentazione artistica del Callichimaera perplexa (credito: Elissa Martin, Yale Peabody Museum of Natural History)

Analizzando i fossili ben conservati provenienti da alcune formazioni rocciose della Colombia e degli Stati Uniti risalenti al periodo medio-cretaceo (90-95.000.000 di anni fa), un gruppo internazionale di ricercatori ha annunciato la scoperta di nuove specie di animali marini, tra cui gamberetti e granchi.
La scoperta più interessante riguarda proprio un granchio, denominato Callichimaera perplexa, che rappresenta il primo esempio di artropode con gambe simili a pagaie dopo l’estinzione degli scorpioni marini avvenuta più di 250 milioni di unità.

Il Callichimaera perplexa aveva un aspetto “insolito e carino” , come osserva Javier Luque, il paleontologo dell’Università di Yale che ha guidato il gruppo di ricercatori.
Era dotato di occhi grandi, artigli piegati, parti della bocca simile ad una gamba, coda esposta e corpo lungo.
Alcune di queste sono caratteristiche tipiche delle larve di granchio che si sviluppano in mare aperto e ciò suggerisce che questi antichi granchi potrebbero avere conservato nell’età adulta alcune delle loro caratteristiche larvali, caratteristiche che poi hanno amplificato e sviluppato tramite un processo denominato eterocronia.

“Di solito pensiamo ai granchi come a grandi animali con ampi carapaci, forti artigli, piccoli occhi con lunghi occhielli e una piccola coda infilata sotto il corpo. Bene, il Callichimaera sfida tutte queste ‘granchiose’ e costringe a ripensare alla nostra definizione di ciò che rende un granchio un granchio”, dichiara lo stesso Luque.
Questa nuova scoperta mostra quanto la diversità relativa alla forma strutturale del corpo di granchi sia estesa con esemplari appartenenti alla stessa famiglia talvolta molto diversi tra loro fisicamente.

Sezioni del Callichimaera perplexa (credito: Line drawings by J. Luque and 3D reconstructions by A. Duque)

Fonti e approfondimenti

Articoli correlati

Condividi questo articolo

Rimani in contatto

Resta aggiornato su Facebook: clicca su “Mi piace questa pagina”

Commenta per primo

Rispondi