Cestista robot della Toyota: non fa schiacciate ma è abile nei tiri da 3 punti

Questa volta si tratta di un robot forse non utile per la società e nell’ambito lavorativo e che molto probabilmente non aumenterà i livelli di disoccupazione ma i filmati relativi alle sue prove sul “campo” destano comunque scalpore e interesse.

Alto 207 cm, Cue è un robot cestista creato dalla Toyota che, basandosi su un algoritmo che prende in considerazione l’immagine tridimensionale del suo ambiente, utilizza vari sensori per tentare di centrare il canestro con la palla.
Quest’ultima viene afferrata con le sue mani e lanciata tramite il movimento delle braccia, movimento molto simile a quello di un vero cestista.

Il filmato riprende una dimostrazione avvenuta vicino Tokio lunedì: il robot riesce a calcolare la giusta angolazione per realizzare tiri da tre punti.
Il robot si muove tramite tre ruote inferiori e tende a ripetere lo stesso movimento fin quando non riesce a centrare il canestro.

Le articolazioni sono fissate al corpo tramite degli ingranaggi ma il corpo stesso non è altro che un blocco di resina fissato ad un telaio di alluminio costruito in modo da somigliare quanto più possibile al corpo di un essere umano.

La sua abilità è comparabile con quella dei giocatori professionisti giapponesi con i quali si è confrontato. Questo per quanto riguarda i tiri da fermo ma il robot, almeno per il momento, si rivela molto lento nei movimenti e non può certo lavorare di marcatura né effettuare schiacciare.

Articoli correlati

Condividi questo articolo

Dati articolo


Resta aggiornato su Facebook