Ecco il transistor più piccolo del mondo, usa un singolo atomo

Il transistor a singolo atomo che funziona in un elettrolita di gel raggiunge il limite della miniaturizzazione (credito: Thomas Schimmel et al.)

I ricercatori del Karlsruher Institut für Technologie (KIT) dichiarano di aver realizzato quello che può essere considerato come il transistor più piccolo del mondo. Si tratta di un transistor che commuta la corrente elettrica riposizionando un singolo atomo, anche nello stato solido in un elettrolita di gel.

Può funzionare a temperatura ambiente e, secondo gli stessi ricercatori, arriva a consumare pochissima energia, due caratteristiche che aprono prospettive del tutto nuove per quanto riguarda la tecnologia dei computer.
Non è la prima squadra di ricercatori che mostra il funzionamento di un transistor a singolo atomo ma questa è la prima volta che si dimostra che un transistor del genere può funzionare a temperatura ambiente e non solo a quelle vicino allo zero assoluto.

Il transistor, sviluppato dal professor Thomas Schimmel e dal suo team presso l’Institute of Applied Physics (APH) el KIT, potrebbe infatti rendere possibile un miglioramento, per quanto riguarda l’efficienza energetica nella tecnologia dell’informazione in generale, notevole, come sottolineato anche dallo stesso Schimmel: “Questo elemento dell’elettronica quantistica consente il passaggio di energie inferiori a quelle delle tecnologie di silicio convenzionali di un fattore di 10.000”.

La ricerca, pubblicata su Advanced Materials, descrive il funzionamento del transistor che si serve di un impulso di controllo elettrico posizionando un singolo atomo d’argento in uno spazio vuoto e chiudendo il circuito.
Quando poi l’atomo di argento viene di nuovo rimosso, il circuito si interrompe per quello che si può considerare come un approccio tecnico completamente nuovo anche perché non vengono utilizzati semiconduttori ma esclusivamente metallo.

Fonti e approfondimenti



Condividi questo articolo

Resta aggiornato su Facebook: clicca su “Mi piace questa pagina”


Commenta per primo

Rispondi