Ecco la fine che farà il sistema solare tra più di 100 miliardi di anni

Sappiamo più o meno tutti quale sarà il destino prossimo del Sole e dei suoi pianeti più vicini ma cosa accadrà ai pianeti più lontani e per quanto tempo ancora il sistema solare continuerà ad esistere?
Per rispondere a questa domanda alcuni ricercatori hanno svolto complesse simulazioni e sono giunti alla conclusione che il nostro sistema solare vivrà ancora per un centinaio di miliardi di anni prima della scomparsa di tutti i pianeti.

Sole diventerà gigante rossa e inghiottirà pianeti interni

La teoria riguardante la vita futura del Sole è abbastanza accettata così come le teorie riguardanti la fine che faranno i pianeti più interni, a differenza delle teorie che riguardano i pianeti più esterni. Tra circa 5 miliardi di anni il Sole si sarà gonfiato così tanto da essere diventato una gigante rossa e i suoi confini si saranno allargati così tanto da avere inghiottito letteralmente Mercurio, Venere e molto probabilmente anche la Terra.
Durante questa fase espellerà quasi metà della sua massa che sarà espulsa via nello spazio propagata dai venti stellari. Al centro del sistema solare resterà una nana bianca che avrà una massa di circa il 54% dell’attuale massa solare.

Cosa succederà ai pianeti più esterni?

Ma cosa succederà ai pianeti più esterni, a partire da Marte e soprattutto ai giganti gassosi? Il sistema solare, pur decimato dei pianeti interni, continuerà ad esistere con una nana bianca al centro per molto tempo?
È stata questa la domanda che ha portato ad uno studio, apparso sull’Astronomical Journal, basato su varie simulazioni relative al futuro del sistema solare.
Già alla fine degli anni 90 alcuni astronomi, come spiega Science Alert, avevano fatto una previsione in tal senso: il sistema solare sarebbe esistito per almeno 1 miliardo di miliardi di anni, ossia un quintilione di anni. Questo tempo sarebbe quello necessario affinché le risonanze orbitali di Giove e di Saturno disaccoppino Urano.

Perturbazioni di altre stelle decideranno futuro del sistema solare

Tuttavia questa tesi non fa riferimento al fatto che intorno al Sole ci sono comunque tante altre stelle che, nonostante la distanza, a volte si avvicinano così tanto da perturbare le orbite dei pianeti del sistema solare (all’incirca una volta ogni 23 milioni di anni).
Considerando che il futuro sistema solare potrà contare su una stella al centro che avrà perso quasi la metà della sua massa, le perturbazioni provocate dalle altre stelle diventeranno sicuramente più influenti secondo i ricercatori di questo nuovo studio.

Orbite dei pianeti si destabilizzeranno

Con un tempo sufficientemente lungo a disposizione, i passaggi ravvicinati delle altre stelle tenderanno a destabilizzare le orbite dei pianeti rimasti nel sistema solare. Ed è proprio in base a queste ipotesi di fondo che i ricercatori hanno eseguito le proprie simulazioni usando un potente supercomputer.
Hanno scoperto che ogni volta si verificavano c’erano pressoché simile: dopo che il Sole diventava una nana bianca, i pianeti esterni, pur avendo un’orbita relativamente più grande, rimanevano più o meno stabili.
I pianeti Giove e Saturno, comunque, assumevano una risonanza abbastanza stabile di 5:2. In pratica per ogni cinque volte in cui Giove orbiterà intorno al Sole, Saturno orbiterà due volte. Si tratta di orbite che renderanno il sistema più suscettibile alle suddette perturbazioni, quelle provocate dalle stelle vicino al Sole.

Tutti i pianeti sfuggiranno al Sole e vagheranno per la via Lattea

Dopo una trentina di miliardi di anni dal momento in cui il Sole sarà diventato una nana bianca, le perturbazioni delle altre stelle provocheranno delle orbite planetarie così caotiche nel sistema solare che tutti i pianeti, tranne uno, letteralmente sfuggiranno all’attrazione gravitazionale del Sole e diventeranno tutti gli effetti “pianeti canaglia”, ossia pianeti vaganti nello spazio interstellare.
Un solo pianeta (i ricercatori non hanno stimato quale) resterà nel sistema solare per altri 50 miliardi di anni ma alla fine, all’incirca 100 miliardi di anni dopo il momento in cui il Sole sarà diventato una nana bianca, anch’esso sfuggirà all’attrazione gravitazionale della nostra stella e si perderà nello spazio.

Resterà solo una nana bianca senza pianeti

In quel momento il sistema solare effettivamente non esisterà più se non si considera qualche roccia vagante abbastanza vicina che rimarrà ad orbitare intorno alla nana bianca forse fino alla fine dei suoi tempi. Si crede che una nana bianca possa vivere per migliaia di miliardi di anni (un quadrilione di anni secondo le più recenti stime) prima di diventare una nana nera, ossia un corpo praticamente morto che non emanerà più calore e luce.
Della fine delle nane bianche, in realtà, non ne sappiamo molto dato che l’intero cosmo è iniziato solo da 13,8 miliardi di anni e quindi, praticamente, ancora nessuna nana bianca ha avuto il tempo di morire in questo modo.

Approfondimenti

Articoli correlati


Tag

Condividi questo articolo


Data articolo