Ecco la PAL-V Liberty, la prima macchina volante disponibile commercialmente

Si chiama Liberty ed è stata definita dagli stessi produttori come la prima auto volante disponibile per l’acquisto (in realtà, come ricorda The Verge, ne sono disponibili almeno un altro paio di modelli, la Terrafugia’s Transition e la AeroMobil). Prodotta dall’azienda olandese PAL-V, vanta già le prime ordinazioni.
La società dichiara che la prima consegna verrà effettuata nel 2019 e che il modello ha ricevuto tutte le certificazioni relative alla sicurezza di cui un mezzo di trasporto in genere ha bisogno.

L’auto, che può trasportare fino a due persone, vanta una velocità massima su strada di 160 km/h e nell’aria di 180 km/h. L’autonomia è di circa 563 km. Il cambiamento relativo alla locomozione (da mezzo di strada a mezzo volante) avviene in meno di 10 minuti ed il prezzo di questo primo modello, comunque in edizione limitata (ne sono disponibili solo 90), è di 621.500 dollari.
Nel prezzo sono compresi anche le lezioni di volo dato che per poterla guidare si dovrà ottenere prima la certificazione di pilota di velivolo.

Dotata di tre ruote e di un motore giroscopio che fa girare una grande elica montata sul retro (più un secondo motore per la locomozione su strada), la PAL-V è stata presentata al salone di Ginevra ma è in sviluppo da più di un decennio.
L’auto può decollare e atterrare a breve distanza, una caratteristica essenziale affinché possa essere utile su strada. Inoltre, secondo il produttore, può volare anche in condizioni meteorologiche turbolente.

Si tratta, per definizione, di un girocottero, ossia di un velivolo in cui il motore non fa girare l’elica ma genera la spinta in avanti come avviene in un aeroplano. Il rotore dell’elica si muove per la forza d’attrito del vento che lo investe.
Robert Dingemanse, amministratore delegato dell’azienda, dichiara di avere già una fila di potenziali compratori.

Fonti e approfondimenti



Condividi questo articolo

Resta aggiornato su Facebook: clicca su “Mi piace questa pagina”


Commenta per primo

Rispondi