Embrioni di gabbiani reagiscono a chiamate dei genitori vibrando nelle uova

Pulcino di Larus michahellis e due uova (credito: Jose C. Noguera, Universidad de Vigo)

Gli embrioni dei gabbiani zampegialle (Larus michahellis) rispondono alle chiamate effettuate dai genitori già quando sono all’interno delle uova.
Lo fanno vibrando all’interno del guscio, secondo un nuovo studio apparso su Nature Ecology and Evolution. E non solo: mostrano differenze fisiche e comportamentali una volta nati.

Non è il primo studio che mostra che embrioni all’interno delle uova, appartenenti sia ad anfibi che rettili o persino agli insetti, possono ricevere informazioni sensoriali dall’esterno onde prepararsi alla realtà che dovranno a breve affrontare.
Secondo Jose Noguera e Alberto Velando, due ricercatori dell’Università di Vigo, i piccoli di gabbiani a zampe gialle non ancora nati riescono ad ascoltare, dall’interno delle uova, le grida di avvertimento dei genitori e reagiscono effettuando delle piccole vibrazioni.

Tuttavia l’ascoltare le grida di avvertimento dei genitori sembra portare anche a cambiamenti fisici e comportamentali dei pulcini una volta nati.
I ricercatori hanno effettuato esperimenti su 90 uova di gabbiano prelevate dall’isola di Sálvora, al largo della Spagna nordoccidentale.

Dopo aver prelevato diverse decine di uova, le hanno incubate a gruppi di tre. Hanno quindi estratto due delle tre uova incubate e le hanno esposte quattro volte al giorno ai suoni di avvertimento degli esemplari adulti registrati oppure li hanno sottoposti al silenzio assoluto.

Gli embrioni sottoposti alle chiamate da parte degli adulti sembravano vibrare nel momento in cui venivano riprodotte le registrazioni e continuano a vibrare anche quando venivano reinseriti nell’incubatrice.
Secondo gli scienziati, il continuare a vibrare anche nell’incubatrice poteva servire ad avvertire gli embrioni delle altre uova che non erano stati esposti alle grida.

Inoltre i ricercatori notavano che gli uccelli esposti ai versi degli adulti impiegavano più tempo per nascere e, una volta nati, risultano più silenziosi dei pulcini che erano stati invece esposti al silenzio. E ancora, i pulcini esposti alle grida sembravano accovacciarsi maggiormente quando esposti a delle minacce percepite. Inoltre erano tendenzialmente più piccoli e mostravano zampe più corte.

Approfondimenti

Articoli correlati

Condividi questo articolo

Dati articolo


Resta aggiornato su Facebook