Emissioni di metano in atmosfera in aumento, ecco i dati shock

Emissioni globali di metano nell’atmosfera nel corso del 2017 (credito: Doi: 10.5194/essd-12-1561-2020 – The Global Methane Budget 2000–2017, Earth System Science Data )

Le emissioni globali di metano hanno raggiunto livelli record tra il 2000 e il 2017, l’ultimo anno per il quale sono disponibili i dati (e c’è naturalmente da pensare che la curva in aumento sia continuata anche dal 2017).
Secondo due studi, uno pubblicato su Earth System Science Data e l’altro su Environmental Research Letters, condotti dai ricercatori nel contesto del Global Carbon Project, un’iniziativa guidata dall’università di Stanford, in questi 17 anni livelli di questo potente gas serra sono aumentati soprattutto per l’aumento delle emissioni dalle miniere di carbone ma anche per la maggiore produzione di pretorio e di gas naturale.

A queste cause c’è da affiancare anche l’aumento dell’allevamento di bovini e ovini e l’aumento delle discariche in generale.
Secondo i ricercatori questi aumenti potrebbero essere causa di un aumento della temperatura media globale di 3-4 °C prima della fine del secolo, qualcosa che a sua volta porterebbe ad un aumento di disastri naturali, tra cui siccità, inondazioni, incendi, e di disastri sociali come carestie e migrazioni di massa.

Solo nel 2017 sono state emessi 600 milioni di tonnellate di questo gas incolore e inodore nell’atmosfera terrestre.
Questo gas è molto più potente dell’anidride carbonica per quanto riguarda l’effetto serra (ben 28 volte più potente secondo gli scienziati) e ciò diventa ancora più preoccupante se si pensa che più della metà di tutte le emissioni di metano al mondo sono riconducibili ad attività umane.

Dall’inizio degli anni 2000, le emissioni di metano nell’atmosfera sono aumentate del 9% ogni anno, circa 50 milioni di tonnellate in più ogni anno, per arrivare a 227 milioni di tonnellate di metano emesse nel 2017.
Secondo Rob Jackson, scienziato di Stanford che ha condotto gli studi, preoccupano soprattutto le emissioni di bovini e ruminanti che sono paragonabili, in termini di quantità di metano emesso nell’atmosfera, ai danni inflitti dalle industrie dei combustibili fossili: “La gente scherza sull’eruttazione delle mucche senza rendersi conto di quanto sia grande la fonte”.

Approfondimenti

Articoli correlati

Condividi questo articolo

Dati articolo

Resta aggiornato su Facebook