Enorme sciame di coccinelle avvistato sulla California registrato anche dai radar meteorologici

Uno dei più grossi sciami di coccinelle mai avvistati si è spostato negli ultimi giorni in California, in particolare nella contea di San Diego, e con il passare del tempo è diventato così grande che è stato registrato anche dal radar meteorologico del National Weather Service (NWS) nella giornata di martedì, secondo quanto riferito da diversi media locali.

Un video che riprendeva i dati del radar mostrava una macchia diffusa che sembrava una precipitazione in corso ma che in realtà era causato da un enorme sciame di coccinelle (Coccinellidae).
Lo sciame ha raggiunto una grandezza massima registrata di 130 km di lunghezza per per 130 km di larghezza e proveniva dalle zone delle montagne di San Gabriel muovendosi in direzione di San Diego.
Lo sciame, secondo quanto riferito, volava ad un’altezza stimata compresa tra i 1500 metri e i 2800 metri di altezza.

I pochi testimoni oculari che sono riusciti a vedere la “nube” hanno dichiarato che si trattava di qualcosa non denso come una nuvola, una sorta di macchia formata da tantissimi piccoli granelli che si spostavano galleggiando nell’aria.
La California può essere considerata come la “patria” delle coccinelle: solo in questo stato e sono state censite in passato ben 200 diverse specie, alcune delle quali classificate nel contesto del programma di gestione dei parassiti fortemente portato avanti dalle istituzioni locali.

Quando arriva la primavera, o meglio quando le temperature raggiungono un livello più mite rispetto all’inverno, le coccinelle cominciano la stagione dell’accoppiamento e cominciano a spostarsi dalle zone della Sierra Nevada verso le zone della valle interna mangiando tantissimi afidi, deponendo tantissime uova e moltiplicandosi a dismisura.
I ricercatori non sono stati in grado di identificare a quale specie di coccinelle appartenessero quelle dell’enorme sciame che per qualche ora ha sovrastato i cieli della California.

Articoli correlati

Condividi questo articolo


Resta aggiornato su Facebook